F1 gp Monaco: diretta in tempo reale (Formula 1). Seguila con Google

Pubblicato il 29 Maggio 2011 13:52 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2011 17:57

La macchina di Sebastian Vettel (foto LaPresse)

Montecarlo- F1, gp Monaco: diretta in tempo reale (Formula 1).

Le ultime news sul mondo della F1 e sul Gran Premio del Principato di Monaco. Si tratta della gara più affascinante dell’intero Mondiale di Formula 1. Il grande favorito per la vittoria finale è Sebastian Vettel.

Sergio Perez sara’ sottoposto a una nuova tac domani mattina. Per questo motivo i sanitari del Princesse Grace Hospital di Montecarlo, dove il pilota della Sauber è ricoverato per la commozione cerebrale subita nell’incidente di ieri, resterà ricoverato un’altra notte sotto osservazione.

Lo si apprende da un comunicato della scuderia del messicano diffuso dopo i nuovi esami a cui il driver di 21 anni è stato sottoposto questa mattina.

Nuovo allarme bomba nel Principato di Monaco, dove tra meno di due ore è in programma il Gp di Formula 1, sesta prova del mondiale. Dopo lo zainetto sospetto dell’altro giorno al motorhome della Red Bull, questa mattina un’altra borsa incustodita ha fatto scattare l’allarme.

A preoccupare le forze dell’ordine, questa volta, è stata una borsa nera, abbandonata vicino a un tavolino dello ‘Stars ‘n Bars’, il famoso locale del porto di Monaco, davanti al quale è stato allestito il motorhome della Fia, mentre al piano di sopra c’e’ la sala stampa affollata di giornalisti provenienti da tutto il mondo. Anche questa volta sono intervenuti gli artificieri che, sotto lo sguardo di decine di curiosi, hanno rimosso l’involucro.

Notte tranquilla, al Princesse Grace Hospital di Montecarlo, per Sergio Perez. Il pilota della Sauber, ieri protagonista di un brutto incidente nelle qualifiche del Gp di Monaco, sta meglio. Lo rende noto l’ufficio stampa della scuderia. Il driver messicano, che ha sbattuto contro le barriere di protezione della pista all’uscita del tunnel, uno dei punti in cui le monoposto raggiungono la massima velocità sulle stradine del Principato, ha riportato una commozione cerebrale e una lesione ad una gamba, ma nessuna frattura. Oggi verrà sottoposto a nuovi accertamenti sanitari. I medici dovrebbero dimetterlo oggi o, al massimo, domani mattina.

Restera’ in ospedale anche domani Sergio Perez, il pilota della Sauber protagonista di un brutto incidente nelle qualifiche del Gp di Monaco. Lo si apprende da un comunicato della Fia, la Federazione internazionale automobilistica, presieduta da Jean Tod. Quest’ultimo, si legge nella nota, stasera ha fatto visita al pilota messicano nell’ospedale Princesse Grace, e ha parlato con i medici, che lo hanno rassicurato sulle sue condizioni di salute. Nello schianto contro le protezioni della pista, all’uscita dal tunnel, Perez ha riportato una commozione cerebrale.

Due minuti e 26 secondi alla fine delle qualifiche. La Sauber di Sergio Perez, pilota della Ferrari Academy al debutto in questa stagione, esce dal tunnel di Montecarlo ai 290 chilometri orari. La monoposto salta sul piccolo dosso che stamattina ha fatto sbattere Rosberg, si scontra contro il guard rail sulla destra e fila via come un proiettile contro le barriere che dividono la via di fuga dalla pista. Lo schianto, violentissimo, ammutolisce il pubblico sugli spalti e tiene con il fiato sospeso l’intero paddock per alcuni interminabili minuti. Una scena già vista, proprio in questa curva, che fa tornare alla ribalta il tema della sicurezza sulle stradine del Principato di Monaco. La memoria, infatti, torna indietro al 12 maggio 1994, prime libere del Gp di 17 anni fa, quando l’austriaco Karl Wendlinger si schiantò contro le stesse protezioni. Sempre al volante di una Sauber, sempre all’uscita del tunnel. Anche allora il pilota perse conoscenza, e rimase per un mese in coma farmacologico. A Perez e’ andata meglio: l’ultimo bollettino medico, diffuso dopo il ricovero e i controlli all’ospedale Princesse Grace, parla di commozione celebrale e una contusione alla coscia, ma nessuna frattura. Resterà in osservazione per tutta la notte, anche se le sue condizioni sono definite ”incoraggianti”, tanto che il messicano aveva chiesto di poter partecipare alla gara, ma domani comunque non sara’ al via. Sotto accusa finisce, però, quel dosso all’uscita dal tunnel. ”E’ pericoloso, lo diciamo da anni”, attacca il ferrarista Massa, uno dei più critici al termine delle qualifiche, forse perché tra i più sensibili al tema sicurezza dopo l’incidente occorsogli sul tracciato di Budapest nel 2009. ”Siamo a Monaco – aggiunge – e tutto va bene, ma bisogna fare qualcosa per migliorare l’asfalto in quel punto”. Dello stesso avviso il compagno di squadra, Fernando Alonso: ”Speriamo si decidano a fare qualcosa – dice lo spagnolo – ogni anno è sempre peggio perché migliora l’aerodinamica e aumenta la velocità”. ”Dobbiamo imparare da questo incidente”, è l’opinione di Webber, mentre Button torna con la memoria allo schianto che lo ha visto protagonista nel Gp di Monaco del 2003. Roba da far passare in secondo piano persino la pole di Vettel, che non ha mai vinto a Montecarlo prima d’ora. ”La cosa importante – commenta il tedesco – è sapere che Sergio non ha nulla di grave”.

F1, gp Monaco: diretta in tempo reale (Formula 1). Seguila con Google cliccando qui.