Fallimenti Nazionale: dalle Coree allo Zambia fino alla Svezia

Pubblicato il 13 novembre 2017 23:30 | Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2017 23:30
FALLIMENTI-NAZIONALE

Fallimenti Nazionale: dalle Coree allo Zambia fino alla Svezia
ANSA

ROMA – Dalle Coree allo Zambia, dall’Irlanda del Nord alla Svezia, ultima umiliante tappa della via crucis azzurra. Perché, oltre ai quattro titoli mondiali, sono stati vari i disastri della nazionale nel suo percorso ultracentenario. Quasi 60 anni fa data l’unica altra mancata qualificazione mondiale: ko per 2-1 a Belfast il 15 gennaio 1958, l’Italia di Foni, espulso Ghiggia, fa flop nel girone a tre e resta a casa.

Quattro anni dopo in Cile, il 2-0 coi padroni di casa con gli azzurri ridotti in 9 in una partita corrida e arbitraggio nefasto dell’inglese Aston che procura il mesto ritorno a casa. Ma il peggio non e’ mai morto: nel 1966 l’umiliazione mondiale con la Nord Corea e il gol del caporale dell’esercito Pak doo ik per l’Italia con poca Inter di Edmondo Fabbri.

Si pensa di aver toccato il fondo, ma alle Olimpiadi 1988 c’e’ la batosta per 4-0 con lo Zambia. La nazionale patisce i padroni di casa e nel 2002 si mette di mezzo l’arbitro Moreno, ma il 2-1 con la Corea del Sud, anche se con varie attenuanti, fa male ai tifosi.

Dall’entusiasmo del titolo ai rigori del 2006 al flop del 2010 il passo e’ breve: gli azzurri pareggiano 1-1 con la Nuova Zelanda e escono dopo la sconfitta 3-2 con la Slovenia.

Ma quest’anno va ancora peggio: il presagio viene dall’1-1 con la Macedonia, ma il pollice verso e’ negli spareggi con la modesta Svezia senza Ibra: 0-1 a Stoccolma, 0-0 a Milano. Mondiali addio, via all’ennesima dolorosa rifondazione.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other