Ferrari, Montezemolo: “Ho dato la mia disponibilità per altri tre anni”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 settembre 2014 17:41 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2014 17:41
Ferrari, Montezemolo: "Ho dato la mia disponibilità per altri tre anni"

Ferrari, Montezemolo: “Ho dato la mia disponibilità per altri tre anni” (LaPresse)

MONZA – “A marzo ho dato la mia disponibilità alla Ferrari per altri tre anni“. Con questa dichiarazione Luca Cordero di Montezemolo prova a fare chiarezza sul proprio destino, tema che a Monza sta facendo discutere più della rivalità in Mercedes o delle chance di Alonso e Raikkonen. Non è detto che basti a cancellare i rumors su un futuro ai vertici della nuova Alitalia-Etihad, ma intanto il n.1 del Cavallino bolla la questione come “un polverone eccessivo”, chiarendo che “se ci fosse qualunque tipo di novità sarei il primo a dirlo”.

L’ultima volta di Montezemolo ai box risaliva al Gp di Bahrain in aprile, prima della sostituzione di Domenicali. Ora le voci lo riguardano in prima persona e, arrivato insieme a Piero Ferrari, parla al fianco del team principal Marco Mattiacci, per 8 minuti in piedi all’ingresso dell’hospitalty Ferrari, davanti a decine fra giornalisti, operatori e fotografi. Non hanno attirato tanta attenzione nemmeno Alonso e Raikkonen, protagonisti di qualifiche deludenti (7/o lo spagnolo, fuori in Q3 il finlandese) che renderanno difficilissimo quello che secondo i rumors dovrebbe essere l’ultimo Gp d’Italia della presidenza Montezemolo.

Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, dopo aver parlato di liberalizzazione del settore treni con Montezemolo (in veste di azionista di NTV) ha notato che, in caso di addio, “potrà essere utile anche in altri importanti ruoli”, senza nominare Alitalia. A sentire il nome della compagnia di bandiera, Montezemolo scherza: “Spero di prenderlo (un aereo, ndr) domani pomeriggio…”. “Io sono qui per lavorare”, aggiunge prima di definire “un tormentone” anche le voci sul destino incerto di Alonso in Ferrari. “Ha un contratto importante fino al 2016 e come me vuole una macchina competitiva”, chiarisce.

“Sono felice che resti, mi aveva detto che non voleva andare via”, osserva lo spagnolo, assicurando che “no”, non cambierebbe il suo destino in caso di una staffetta ai vertici della scuderia. Consapevole delle difficoltà, alla squadra Montezemolo chiede uno sforzo per saldare “il grande debito con i tifosi”, che lo applaudono quando si affaccia al muretto. Il compito di Mattiacci è “rilanciare la squadra corse” e cambiare le regole del circus “senza guardare in faccia nessuno”. ‘Scongelare’ i motori (ora non si possono modificare durante la stagione), reintrodurre i test, semplificare le regole, aumentare lo show, è la linea di Montezemolo. “Anche sull’audience una Ferrari meno competitiva pesa”, sottolinea, evidenziando che “dal 2000 siamo la squadra che ha vinto di più” e contano anche i numeri fuori dalla pista: “Stiamo chiudendo l’anno con il record storico per risultati economici e finanziari, al Salone dell’auto a Parigi presenteremo una Ferrari nuovissima, a ottobre aspettiamo oltre 600 Ferrari da tutti gli Usa a Los Angeles per festeggiare i nostri 60 anni e prepareremo una macchina straordinaria in 10 esemplari”.