Finale Coppa Italia, niente supplementari: si va subito ai rigori

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 17 Giugno 2020 18:58 | Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2020 18:58
Finale Coppa Italia, niente supplementari: si va subito ai rigori

Finale Coppa Italia, niente supplementari: si va subito ai rigori (foto Ansa)

ROMA – La Coppa Italia, giunta alla finale, cambia le sue regole ai tempi del coronavirus.

Il secondo trofeo italiano più importante dopo lo scudetto verrà assegnato stasera in uno stadio Olimpico di Roma deserto per le porte chiuse.

Sarà la prima coppa italiana assegnata durante il coronavirus ma è stata soprattutto la ripartenza ufficiale del calcio nel nostro Paese.

La prima gara è stata Juventus-Milan del 12 giugno, poi il giorno successivo è stata disputata l’altra semifinale, quella tra Napoli e Inter.

Nei giorni precedenti alle partite, le milanesi (entrambe eliminate) hanno protestato, e non poco, per questo format.

Le due finaliste sono state costrette ad un autentico tour de force dopo tre mesi di inattività.

Le semifinali sono state disputate il 12 e il 13 mentre la finalissima si giocherà stasera,   17 giugno.

Quindi le due finaliste hanno giocato due partite nel giro di cinque giorni e poi il 20 giugno torna anche il campionato…

La federazione non ha accettato la loro richiesta di disputare la coppa al termine del campionato ma ha provato comunque a venire incontro a questi club.

Per questo motivo sono stati aboliti i tempi supplementari sia per le semifinali (ma non ce n’è stato bisogno) che per la finalissima.

Ripartire con potenziali partite da 120 minuti  sarebbe stato davvero troppo se consideriamo la lunghissima inattività di calciatori e squadre.

La federazione calcistica italiana lo ha comunicato attraverso le seguenti note stampa.

Semifinali di Coppa Italia.

Risultando pari anche il numero di reti segnate in trasferta, l’arbitro provvede a far battere i calci di rigore, con le modalità previste dal ‘Regolamento del Giuoco del Calcio.

Finale di Coppa Italia.

Si aggiudica la competizione la squadra che segna il maggior numero di reti.

Risultando pari il numero di reti segnate, l’arbitro provvede a far battere i calci di rigore”.

Coppa Italia, ecco la finale tra Juventus e Napoli.

Per la conquista del trofeo, sono rimaste in corsa solamente la Juventus ed il Napoli. 

La Juve si è qualificata per la finale pareggiando 0 a 0 contro il Milan (l’andata, disputata a San Siro, era terminata sul risultato di 1-1.

Il Napoli, invece, si è qualificato per la finalissima di Coppa Italia grazie al pareggio per uno a uno contro l’Inter dopo aver vinto l’andata a San Siro per 1 a 0.