Fiorentina, Gaetano Castrovilli: “A 12 anni volevo smettere. Il mio passato da ballerino mi aiuta con il calcio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Ottobre 2019 18:09 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2019 18:09
Fiorentina Gaetano Castrovilli ballerino voleva smettere a 12 anni

Fiorentina, Gaetano Castrovilli nella foto Ansa

FIRENZE – Gaetano Castrovilli, giovane calciatore della Fiorentina che è già entrato nel mirino del ct della Nazionale Roberto Mancini, ha parlato a Radio Selene svelando alcuni retroscena sul suo passato. Le sue dichiarazioni sono riportate da violanews.com.

“Avevo pensato di smettere a dodici anni. Quando vedevo la mia famiglia in difficoltà per permettermi di allenarmi era doloroso, fu mio zio a dirmi di non mollare. Il mio passato da ballerino torna utile in campo, alcuni passi mi sono serviti nel calcio. Ultimamente ho limato dettagli di gioco che mi hanno fatto migliorare, a livello tattico e soprattutto palla al piede”.

Gaetano Castrovilli della Fiorentina, le fasi salienti della sua giovane carriera. 

Muove i primi passi nella squadra della sua città, l’ASD Minervino. Nel 2008 viene notato da alcuni dirigenti del Bari, che dopo averlo sottoposto ad un provino lo portano nel settore giovanile del club biancorosso. Il 22 maggio 2015, all’età di 18 anni, esordisce in prima squadra subentrando al 78′ a Marco Calderoni in occasione dell’incontro di Serie B perso 1-0 contro lo Spezia.

Nel marzo 2016 viene prestato alla Fiorentina per disputare il Torneo di Viareggio, in cui colleziona 4 presenze segnando una rete nel pareggio per 1-1 contro il Belgrano. A partire dalla stagione 2016-2017 entra in pianta stabile in prima squadra, disputando 10 incontri nel girone di andata di Serie B.

Il 23 febbraio 2017 viene acquistato in prestito con obbligo di riscatto dalla Fiorentina.Nei sei mesi passati con la primavera del club viola disputa complessivamente 18 incontri realizzando 7 gol e fornendo 9 assist ai compagni, contribuendo a raggiungere la finale scudetto persa contro l’Inter.

Il 10 luglio 2017 viene ceduto in prestito alla Cremonese, neopromossa in Serie B. Il 3 settembre debutta con il club lombardo trovando anche la prima rete in carriera, segnando al 93′ il gol del definitivo 3-1 nel match vinto contro l’Avellino. Il 3 luglio 2018 viene rinnovato per un’altra stagione il prestito ai grigiorossi.

La stagione 2019/2020 lo vede invece restare in prima squadra alla Fiorentina. Esordisce il 24 agosto 2019 nella partita casalinga persa per 3-4 contro il Napoli. Segna il primo gol in Serie A in Milan-Fiorentina 1-3 del 29 settembre (fonti Radio Selene, violanews.com e Wikipedia).