Fiorentina-Genoa deciderà la salvezza, il precedente di 41 anni fa

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 20 Maggio 2019 20:01 | Ultimo aggiornamento: 13 Settembre 2019 12:51

Fiorentina-Genoa deciderà la salvezza, il precedente di 41 anni fa. Vincenzo Montella nella foto ANSA/MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

FIRENZE – Fiorentina-Genoa deciderà la salvezza come 41 anni fa. A pochi giorni dalla partita valida per l’ultima giornata del campionato italiano di calcio di Serie A, torna alla memoria il precedente datato 7 maggio 1978. Anche all’epoca, la Fiorentina si giocava la salvezza contro il Genoa con particolare attenzione alla partita dell’Inter contro il Foggia. Adesso è l’Empoli che cercherà di battere i nerazzurri a San Siro per salvarsi. 41 anni fa, vinse la paura al Franchi e Fiorentina-Genoa terminò sul punteggio di zero a zero. Ai fini della salvezza viola, fu decisivo il gol di Scanziani che decise Inter-Foggia. In Serie B, finì il Genoa. Nel lontano campionato 1959-1960, ci fu un altro Fiorentina-Genoa all’ultima giornata che condannò i liguri alla Serie B. In quella circostanza, la Fiorentina non stava lottando per non retrocedere. I viola vinsero 2-0 contro il Genoa e chiusero il campionato al secondo posto in classifica

Fiorentina-Genoa ma anche Inter-Empoli, ultima giornata deciderà terza retrocessa.

LOTTA PER NON RETROCEDERE – Il Parma, battendo la Fiorentina, si è salvata da un punto di vista matematico. E’ tranquilla anche l’Udinese che ha 40 punti ma ha il vantaggio negli scontri diretti con le rivali. Al Bologna, basterà un punto nelle prossime due partite. Domani è di scena contro la Lazio che è una squadra non ha più nulla da chiedere a questo campionato perché è già matematicamente in Europa League.  Per salvarsi, la Fiorentina, che ha 40 punti, non deve perdere nello scontro diretto contro il Genoa.

Un pareggio andrebbe bene sia alla Fiorentina che al Genoa solamente nel caso in cui l’Empoli dovesse perdere contro l’Inter. Questo perché il Genoa è in vantaggio negli scontri diretti contro i toscani. Nella remota possibilità in cui tutte le squadre in lotta per la salvezza concludessero il campionato a 40 punti, andrebbe in Serie B il Bologna. Almeno che, la Fiorentina non perda con più di un gol di scarto. In quel caso andrebbe in B la Viola.