Fiorentina, Sousa non si accontenta: “Potevamo chiudere prima la gara”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 dicembre 2016 23:38 | Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2016 23:38
Fiorentina, Sousa non si accontenta: "Potevamo chiudere prima la gara"

Fiorentina, Sousa non si accontenta: “Potevamo chiudere prima la gara” (Ansa)

FIRENZE – “Questa squadra sta crescendo di continuità, venivamo da un viaggio e da una partita difficile. Abbiamo giocato contro una squadra che ha un allenatore da diverso tempo, con dinamiche chiare. Su transizioni e calci piazzati, dove hanno giocatori tecnici e fisici. Ma abbiamo creato il sufficiente per chiuderla prima, potevamo controllare meglio l’ultima parte della gara. Ma i nostri avversari avevano qualità”.

Così Paulo Sousa commenta la vittoria della sua Fiorentina sul Sassuolo. Una vittoria che porta la firma di Kalinic: “Sta facendo molto bene, giocatore di altissimo livello. Questo suo livello non è solo tecnico, tattico, mentale e fisico, è un ragazzo dai valori umani pazzeschi, che fa bene al calcio. Sono contento per lui”.

Il pensiero va subito alla gara di giovedì a Marassi, per il recupero contro il Genoa (gara che potrebbe avvicinare i viola i primi posti della classifica): “Il Genoa è una squadra molto forte a livello fisico, di altissimo rendimento e difficile da superare. Quindi dobbiamo essere al meglio per prendere i 3 punti” e anche al sorteggio di Europa League, di oggi a Nyon: “Il Borussia è una squadra costruita per la Champions, ha fatto benissimo la scorsa stagione, ha fatto esperienza in un gruppo difficilissimo. Hanno una qualità tecnica molto buona, sarà una sfida in cui proveremo a far loro male, essere noi stessi. Saranno due partite di grandissima qualità di gioco”.

In casa Sassuolo, invece, c’è rammarico e delusione per essere usciti dal Franchi sconfitti dopo una buona gara e aver creato diverse palle gol: “Abbiamo disputato un primo tempo in cui siamo stati distratti solo sui gol ma giocato alla grande con 4-5 palle gol per noi. Non posso rimproverare niente ai miei giocatori. Bisogna essere più determinati quando si creano occasioni. Peccato per gli infortuni, speriamo non sia niente di grave” ha detto mister Di Francesco che poi ha aggiunto che “Ho fatto fatica a dire qualcosa ai miei ragazzi.

La Fiorentina ha fatto due tiri in porta nel primo tempo e due gol con Kalinic. Ma abbiamo avuto personalità e non posso rimproverare niente. Quando si crea tanto però bisogna concretizzare, perché con un attaccante come Kalinic davanti la Fiorentina può sempre far male”.

Poi sugli infortuni di Gazzola e Magnanelli: “Gazzola non riesce ancora a stare seduto, è veramente incredibile ciò che sta accadendo quest’anno. Sono veramente tanti. Faccio fatica a dare delle risposte” Infine, da mesi il nome di Di Francesco viene accostato a quello della Fiorentina come nuovo tecnico per il prossimo anno dopo Paulo Sousa: “Le voci fanno piacere ma io ho un contratto con il Sassuolo. Mi gratifica e nel calcio mai dire mai, ma ho una società alle spalle con grandi prospettive e non voglio pensare ad altro ora”.