Calcio/ Ronaldo: una nuova resurrezione

Pubblicato il 9 Marzo 2009 21:19 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2009 14:56

Il Brasile applaude Ronaldo. Il ‘Fenomeno’ è tornato al gol (video) alla seconda apparizione con la maglia del Corinthians, la sua nuova squadra. É l’ennesima resurrezione di calciatore fantastico, di indubbia classe, ma con qualche problema fisico e personale da gettarsi alle spalle.

Ronaldo, classe 1976, ce l’ha fatta anche stavolta. Dopo la finale del Mondiale 1998, giocata dopo un attacco convulsivo e persa dal suo Brasile per 3-0, torna a suon di gol con l’Inter (squadra che lo aveva acquistato un anno prima dal Barcellona). Novembre 1999: cede il ginocchio destro, viene operato e rientra nell’aprile successivo contro la Lazio: pochi minuti e nuovo “crack”, sempre nello stesso punto. Un anno e mezzo fuori dai giochi, torna nella seconda parte della stagione 2001-2002 col suo marchio di fabbrica: i gol. In estate vince il Mondiale (diventa il capocannoniere di tutti i tempi della manifestazione) e passa al Real madrid. Prende peso, si infortuna spesso ma chiude l’avventura nella capitale spagnola con 104 reti.

Passa al Milan nel gennaio 2007, altri gol e altro infortunio al ginocchio. Si teme per la carriera, Ronaldo non vuole mollare. Un nuovo programma di recupero da seguire per poi trovare l’accordo ‘a gettone’ con i brasiliani del Corinthians, squadra di San Paolo.

Una settimana fa, l’esordio in coppa, ieri gli è bastato qualche minuto: calcio d’angolo, colpo di testa, gol e corsa sotto la curva esultando come poche volte aveva fatto in carriera. Ronaldo è tornato, Ronaldo ha segnato e adesso vuole giocare il prossimo Mondiale sudafricano del 2010. Tutto come sempre: meraviglioso.