Foggia Calcio, arrestato il patron Fedele Sannella. Squadra commissariata

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 gennaio 2018 9:52 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2018 10:15
fedele-sannella-foggia

Foggia Calcio, arrestato il patron Fedele Sannella

ROMA – Un’ordinanza d’arresto per riciclaggio a carico di Fedele Sannella, il proprietario del Foggia Calcio. La richiesta del pm della distrettuale antimafia milanese, Paolo Storari, è stata firmata dal gip, Giulio Fanales.

L’ordinanza è il risultato del proseguo della maxi inchiesta “Security” del maggio 2017, firmata dai magistrati Ilda Boccassini e Paolo Storari. Secondo l’accusa, Sannella avrebbe ricevuto e riciclato personalmente circa 378.750,00 in denaro contante, reimpiegandoli nel Foggia Calcio sia attraverso la corresponsione di somme di denaro in nero agli atleti, allenatori, procuratori, sia mediante pagamenti funzionali alla gestione della società calcistica, così ostacolando l’identificazione della provenienza illecita del denaro.

Dato che gli illeciti sono stati commessi dagli organi apicali precedenti ed attuali della società, la Dda di Milano, per la prima volta in Italia per quanto riguarda una squadra di calcio, ha richiesto al gip di Milano di disporre l’applicazione della misura cautelare della nomina di un commissario giudiziale per la durata di un anno, nei confronti del Foggia.

Secondo le indagini, uomini vicini a Cosa nostra, avevano investimenti importanti al Nord. Operazioni per riciclare, secondo l’antimafia, denaro di provenienza illecita. La società calcistica era già emersa dal primo filone, ed erano scattati una serie di sequestri. Il 4 dicembre era finito in carcere il vice presidente rossonero, Ruggiero Curci, per antiriciclaggio. Era sospettato di aver pagato in nero calciatori del Foggia, utilizzando denaro di provenienza illecita.