Serie A: vincono Napoli, Milan e Fiorentina in zona Champions. Pescara B vicina

Pubblicato il 17 Marzo 2013 17:47 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2013 17:48
Formazioni Milan-Palermo, Napoli-Atalanta, Fiorentina-Genoa e Pescara-Chievo

Milan-Palermo, Massimiliano Allegri (LaPresse)

ROMA – Ventinovesima giornata del campionato italiano di calcio di Serie A.

Resta tutto invariato in zona Champions: vincono Napoli (3-2 all’Atalanta), Milan (2-0 al Palermo) e Fiorentina (3-2 al Genoa).

La squadra di Walter Mazzarri resta terza a +2 sul Milan e a +5 sulla Fiorentina. 

Pesante ko interno del Pescara contro il Chievo. La squadra abruzzese è ultima in classifica, al pari del Palermo, e con un piede in Serie B. 

Successo importante  per il Napoli che nonostante le solite difficoltà difensive confermate anche contro l’Atalanta riesce a vincere la partita conquistando tre punti sul terreno amico dello Stadio San Paolo.

Non è stata una partita facile per gli uomini di Mazzarri (espulso nel finale con il ds Bigon) che vanno due volte in vantaggio con Cavani (4′ su rigore e 64′) ma che si fanno rimontare con un autogol incredibile di Cannavaro (34′) e con un gol capolavoro dell’ex German Denis (73′).

A rimettere le cose in ordine per il Napoli ci pensa Pandev che all’81’ converte in gol un preciso assist di Armero. Finisce 3-2 al San Paolo con gli azzurri che tornano a -9 dalla Juve ma che soprattutto tengono a distanza il Milan e la Fiorentina.

Nessun contraccolpo. Nella sfida casalinga con il Palermo, il Milan reagisce subito alla brutta sconfitta in Champions League con il Barcellona, con un vittoria più faticosa rispetto a quanto il punteggio finale faccia credere.

I siciliani, infatti, alla disperata ricerca di punti salvezza, si sono battuti con generosità, ma si sono scontrati contro un Balotelli in formato più che mai super, al settimo gol con la maglia del Milan.

I  rossoneri partono subito bene, costringendo i siciliani nella propria area. Al 7′, prima svolta della partita: trattenuta di Aronica su Balotelli, Peruzzo non ha dubbi e decreta il penalty, nonostante le lamentele del centrale ex Napoli. Va sul dischetto lo stesso attaccante della Nazionale, che realizza con un tiro forte e teso alla destra di Sorrentino, che intuisce ma non ci arriva.

Forte del vantaggio così acquisito, il Milan gestisce bene il possesso di palla, limitando le sortite dei rosanero, che rischiano ancora al 17′ su un sinistro dal limite di Boateng, di poco alto. Il Palermo si vede per la prima  volta al 20′ con Ilicic, il cui rasoterra viene accompagnato sul fondo dallo sguardo di Abbiati. Al 25′ invece spunta la cresta di El Shaarawy, che dribbla secco Von Bergen,  ma la sua conclusione viene ribattuta in angolo da Aronica. Cinque minuti più tardi, altre proteste dal Palermo: Zapata stoppa col braccio al limite dell’area una pericolosa ripartenza rosanero. Peruzzo ammonisce il colombiano, ma gli uomini di Sannino avrebbero voluto il rosso. Ininfluente comunque la conseguente punizione, con  Ilicic che spara sulla barriera. Al 38′, ancora Palermo in avanti, con Morganella che costringe Abbiati al suo primo intervento della giornata, deviando con un bel tuffo sulla sua sinistra la palla in angolo.

Quando le squadre rientrano  sul terreno di gioco, c’è Nelson al posto di Garcia nel Palermo, nessun cambio invece per Allegri. I rosanero si fanno pericolosi già al 7′: Ilicic scappa via sulla sinistra, si accentra, ma poi lascia partire un sinistro fiacco leggermente deviato da Bonera, che Abbiati blocca non senza qualche difficoltà. E’ comunque un buon momento per il Palermo, che fa la partita, mentre il Milan fatica a conquistare il possesso della sfera. All’11’ siciliani ancora vicini al gol con Dybala, che  costringe il numero uno rossonero a un grande intervento con il piede. Allegri capisce che è il momento di cambiare e toglie uno spento El Shaarawy per inserire Niang che ricambia immediatamente la fiducia del tecnico: al 21′ fuga sulla destra del francese, il cui cross basso è deviato maldestramente da Aronica verso Sorrentino, che respinge il pallone su piedi di Balotelli che da due passi firma il raddoppio.  Sannino a questo punto aumenta il peso specifico in attacco inserendo prima Fabbrini, poi Viola, mentre Allegri si copre con Traorè al posto di Boateng. Il match, di fatto, finisce qua. Il Palermo, infatti, non ha più le energie per insidiare ancora la porta di Abbiati, mentre il Milan controlla piuttosto agevolmente fino al triplice fischio finale.

Benvenuti al Viola football-show: emozioni, errori, spettacolo, paure e trionfo. Tutto insieme. La Fiorentina batte il Genoa 3-2, dopo una sofferenza infinita, ringrazia un autogol di Cassani, a meno di un quarto d’ora dal novantesimo e risente profumo d’Europa. Ma che fatica. Si  specchia troppo nelle sue qualità la squadra di Montella, che spreca l’impossibile nel primo tempo – che produce solo un golletto di Aquilani dopo una serie di occasioni fallite – e si complica la  vita nella ripresa.

Così quando Portanova al quarto d’ora del secondo tempo inzucca la palla dell’1-1 la partita cambia, grazie anche ai cambi di  Ballardini. Un errore di Tzorvas,  sostituto dell’assente Frey, regala a Cuadrado il tocco del 2-1 ma al 24′ Antonelli approfitta di una dormita della difesa di casa gelando il Franchi. Con il Genoa in 10, però, per l’espulsione  di Bertolacci al secondo giallo, il forcing viola porta al gol partita con il  tocco involontario di Cassani che batte il proprio portiere. E per la Fiorentina è tutto in discesa.

Finisce 2-0 per il Chievo Verona la sfida salvezza in casa del Pescara. All’Adriatico dominano gli ospiti e dopo tante occasioni mancate (traversa di Cofie e conclusioni pericolose di Thereau e Paloschi) nel finale arrivano i gol vittoria di Stoian (88′) e proprio Thereau (93′), vero uomo partita, che danno i tre punti agli uomini di Corini.

Con questa vittoria i veneti sono praticamente salvi (quota 35) mentre per gli abruzzesi un altro stop che mantiene il Genoa a -4 nonostante il ko a Firenze.

Per consultare la classifica del campionato clicca qui.

MILAN-PALERMO 2-0 Balotelli 9′ su rigore e 67′ (M).

Milan (4-3-3): Abbiati; Abate, Bonera, Zapata, De Sciglio; Traoré, Montolivo, Muntari; Boateng, Balotelli, El Shaarawy
A disp.: Amelia, Gabriel, Yepes, Mexes, Antonini, Nocerino, Zaccardo, Ambrosini, Flamini, Bojan,Niang, Robinho. All.: Allegri
SqualificatiConstant (1)
Indisponibili: De Jong, Pazzini

Palermo (3-5-2): Sorrentino; Munoz, Von Bergen, AronicaMorganella, Rios, Donati, Kurtic, Garcia; Boselli, Dybala
A disp.: Benussi, Brichetto, Nelson, Anselmo, Faurlin, Viola, Ilicic, Sanseverino, Fabbrini, Formica, Sperduti, Malele. All.: Sannino
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Barreto, Mantonvani, Hernandez, Miccoli

FIORENTINA-GENOA 3-2 Aquilani 35′ (F), Portanova 57′ (G), Cuadrado 63′ (F), Antonelli 69′ (G) e autogol di Cassani al 77′ (F) .

 

Fiorentina (4-3-3): Viviano; Tomovic, Rodriguez, Savic, Pasqual; Aquilani, Pizarro, Borja Valero; Cuadrado, Jovetic, Ljajic
A disp.: Neto, Lupatelli, Roncaglia, Romulo, Sissoko, Migliaccio, Mati Fernandez, Larrondo, Llama, Toni.All.: Montella
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Rossi, Camporese, Hegazi, Compper, El Hamdaoui

Genoa (3-5-1-1): Tzorvas; Granqvist, Portanova, MorettiPisano, Kucka, Toszer, Vargas, Antonelli; Bertolacci; Immobile.
A disp.: Donnarumma, Cassani, Bovo, Manfredini, Ferronetti, Rigoni, Rossi, Jorquera, Jankovic, Stillo.All.: Ballardini
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Matuzalem, Floro Flores, Olivera, Frey, Borriello

NAPOLI-ATALANTA 3-2 Cavani 4′ su rigore e 65′ (N), Bonaventura 31′ (A), Denis 70′ (A) e Pandev 81′ (N).

Napoli (3-4-1-2): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Gamberini; Maggio, Behrami, Dzemaili, Zuniga; Hamsik; Pandev, Cavani
A disp.: Rosati, Grava, Rolando, Mesto, Donadel, Inler, Armero, El Kaddouri, Insigne, Calaiò. All.: Mazzarri
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Britos

Atalanta (4-4-1-1): Consigli; Raimondi, Stendardo, Lucchini, Del Grosso; Giorgi, Carmona, Biondini, Bonaventura; Moralez; Denis
A disp.: Frezzolini, Ferri, Contini, Radovanovic, Canini, Cigarini, Cazzola, Brivio, Brienza, Parra, Livaja, Budan. All.: Armenise
Squalificati: Colantuono (1), De Luca (1)
Indisponibili: Bellini, Capelli, Scaloni, Marilungo

PESCARA-CHIEVO 0-2 Stoian 89′ (C) e Thereau 93′ (C).

Pescara (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Kroldrup, Bianchi Arce, Bocchetti; Bjarnason, D’Agostino, Cascione; Sculli, Vukusic, Caprari
A disp.: Perin, Zanon, Cosic, Quintero, Blasi, Togni, Caraglio, Abbruscato, CelikAll.: Bucchi
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Weiss, Sforzini, Zauri, Modesto, Rizzo, Capuano

Chievo (5-3-2): Puggioni; Frey, Andreolli, Dainelli, Cesar, Dramé; Guana, L. Rigoni, Hetemaj; Thereau, Paloschi
A disp.: Ujkani, Sampirisi, Seymour, Luciano, Squizzi, Cofie, Papp, Farkas, Jokic, Stoian, Pellissier, Hauche. All.: Corini
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Sardo, Acerbi

ROMA-PARMA ore 20.45

Roma (3-4-2-1): Stekelenburg; Marquinhos, Burdisso, Castan; Piris, Tachtsidis, De Rossi, Bradley, Marquinho; Lamela, Totti; Osvaldo
A disp.: Goicoechea, Lobont, Dodò, Taddei, Florenzi, Balzaretti, Bradley, Perrotta, Lopez. All.: Andreazzoli
Squalificati: Guberti (fino ad agosto 2015)
Indisponibili: Pjanic, Destro, Torosidis, Romagnoli

Parma (4-3-3): Mirante; Rosi, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Marchionni, Valdes, Parolo; Biabiany, Amauri, Sansone
A disp.: Pavarini, Ampuero, MacEachen, Benalouane, Morrone, Ninis, Galloppa, Strasser, Belfodil, Cerri. All.: Donadoni
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Coda, Mariga, Santacroce

SAMPDORIA-INTER RINVIATA PER MALTEMPO.

Sampdoria (3-5-2): Romero; Gastaldello, Palombo, Costa; De Silvestri, Obiang, Krsticic, Poli, Estigarribia; Eder, Icardi.
A disp.: Da Costa, Rossini, Castellini, Berardi, Rodriguez, Munari, Maresca, Soriano, Maxi Lopez, Sansone. All.: Rossi
Squalificati: nessuno
Indisponibili: nessuno

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Zanetti, Ranocchia, Chivu, Pereira; Gargano, Kovacic, Cambiasso; Guarin, Palacio, Cassano.
A disp.: Carrizo, Belec, Jonathan, Kuzmanovic, Samuel, Pasa, Benassi, Rocchi, Belloni. All.: Stramaccioni
Squalificati: Juan Jesus (1)
Indisponibili: Obi, Castellazzi, Mudingayi, Nagatomo, Milito, Silvestre, Alvarez

TORINO-LAZIO ore 20.45

Torino (4-2-4): Gillet; D’Ambrosio, Glik, Rodriguez, Masiello; Brighi, Gazzi; Cerci, Meggiorini, Barreto,Santana
A disp.: Coppola, Darmian, Di Cesare, Vives, Bakic, Caceres, Basha, Jonathas, Birsa, Stevanovic, Bianchi. All.: Ventura
Squalificati: Diop (1)
Indisponibili: Ogbonna

Lazio (4-4-1-1): Marchetti, Pereirinha, Biava, Cana, Radu; Candreva, Gonzalez, Ledesma, Lulic; Ederson; Kozak.
A disp.: Bizzarri, Scarfagna, Onazi, MauriCiani, Crecco, Saha, Rozzi, Keita. All.: Petkovic.
Squalificati: Hernanes (1).
Indisponibili: Stankevicius, Konko, Dias, Klose, Brocchi, Floccari.