Formula 1, Brasile: prima fila Mercedes, dopo le Ferrari

di redazione blitz
Pubblicato il 14 Novembre 2015 20:56 | Ultimo aggiornamento: 14 Novembre 2015 20:57
http://www.blitzquotidiano.it/sport/formula-1-brasile-streaming-diretta-tv-dove-vedere-2320744/

Rosberg nella foto LaPresse

ROMA – Solita Mercedes, solite qualifiche, con Nico Rosberg in pole davanti al compagno di squadra, campione del mondo, Lewis Hamilton.

Anche a Interlagos per il Gran premio del Brasile di Formula 1 le Stelle d’Argento conquistano l’ennesima prima fila della stagione lasciando le briciole agli avversari che come la Ferrari, sua la seconda fila con Sebastian Vettel terzo e Kimi Raikkonen quarto, devono accontentarsi di inseguire.

Male, anzi malissimo, la McLaren protagonista solo fuori dalla pista con i suoi piloti che fanno finta di salire sul podio: e se Jenson Button si limita a scherza con Fernando Alonso sul gradino più alto della vittoria, lo spagnolo, rimasto mestamente a piedi, si mette addirittura prendere il sole con tanto di sdraia sul prato davanti ai tifosi brasiliani divertiti per lo show improvvisato e sotto lo sguardo esterrefatto degli uomini ai box della scuderia inglese.

Tra gli scherzi di Alonso e la faccia imbronciata di Hamilton, è stata una qualifica che ha ribadito la supremazia della scuderia campione del mondo ma che ha lasciato qualche speranza alle Ferrari di poter impensierire Hamilton e Rosberg come ammesso da Vettel: “Avrei tanto voluto essere più vicino alle Mercedes, ma oggi non si poteva fare di più. In Q2 è sembrato che ce la potessimo giocare, specialmente con Lewis. Ho notato che Nico non aveva avuto un giro ‘pulito’ e mi aspettavo che in Q3 facesse meglio, ma in realtà hanno migliorato entrambi e per noi è stato un po’ troppo per poterli sfidare. Vedremo domani, di solito in gara siamo più vicini. Per superare le Mercedes servirebbe – aggiunge il pilota tedesco della Ferrari – una partenza a razzo, perché non c’è molta strada dal via alla prima curva e comunque un buon avvio aiuta sempre. In più, in configurazione gara andiamo di solito meglio che in qualifica, abbastanza da mettere loro pressione: e poi penso che si possano far valere le strategie. Interlagos è un posto pazzo, dove può succedere di tutto. Non sai mai quello che può avvenire in un GP. Quando siamo arrivati qui ci aspettavamo la pioggia e invece c’è stato un gran sole ed è piovuto in momenti diversi. L’obiettivo per domani? Dare il tutto per tutto e cercare di fare un miracolo. La possibilità c’è. E noi ci crediamo”.

Un Gran Premio quello di domani a Interlagos che ricorderà le vittime degli attentati a Parigi. “Purtroppo – ha detto il presidente della federazione automobilistica internazionale, il francese Jean Todt – siamo spettatori di un disastro terribile, Parigi è una delle più grandi capitali del mondo, non è importante che sia città della Fia. Non possiamo fare altro che soffrire di fronte al dramma di oggi, siamo tutti sotto choc, e dobbiamo pensare a tutte le vittime e sperare che possa essere fatto qualcosa”.