Francesco Reda positivo a doping: è vicecampione italiano di ciclismo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 luglio 2015 10:49 | Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2015 10:49
Francesco Reda positivo a doping: è vicecampione italiano di ciclismo

Francesco Reda positivo a doping: è vicecampione italiano di ciclismo (foto Lapresse)

ROMA – Il vicecampione italiano di ciclismo su strada, Francesco Reda, è risultato positivo a un controllo antidoping. Reda, che il 27 giugno scorso si piazzò dietro Vincenzo Nibali ai piedi della basilica di Superga, a Torino, è risultato positivo al Nesp (Darbepoetina) a un controllo in competizione disposto dal Comitato controlli Coni Nado.

Nato il 19 novembre 1982, a Cosenza, professionista dal 2007, Francesco Reda è già stato squalificato per 24 mesi, poi ridotti a 15, con decorrenza 21 giugno 2013. L’atleta silano era stato fermato per via dei problemi in un controllo antidoping fuori competizione, prima del Gp Città di Camaiore, il 28 febbraio 2013, e la relativa mancata verbalizzazione dell’impossibilità di fornire un campione di urine. Riammesso alle gare a fine settembre 2014, il 17 maggio scorso aveva vinto la prima tappa dell’An Post Ras, sulle strade irlandesi, da Dunboyne a Carlow, Adesso, il corridore del team Idea potrebbe andare incontro alla radiazione, dopo che nelle analisi eseguiti nel laboratorio di Roma sono state rinvenute tracce di Nesp, la darbepoetina alfa, che è una eritropoietina ricombinante, in altre parole Epo di ultima generazione.

Il 27 giugno scorso, a Torino, si è piazzato alle spalle di Nibali, ma davanti a Diego Ulissi, al termine di un duello appassionante che ha caratterizzato gli ultimi chilometri del Campionato italiano su strada Elite.