Francesco Totti: “Vita da dirigente? All’inizio parlavo da solo come un matto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 novembre 2017 10:39 | Ultimo aggiornamento: 30 novembre 2017 10:43
francesco-totti

Francesco Totti (foto Ansa)

ROMA – Francesco Totti, intervistato dal Corriere della Sera, racconta la sua nuova vita da dirigente della Roma. “All’inizio – racconta Totti – parlavo da solo, come un matto: sono infortunato, sono squalificato, adesso rientro. Però adesso mi sono abituato. […] Ho chiesto alla società se potevo ricaricare le batterie per un po’. Avevo voglia di dare un taglio, liberare la testa, godermi i miei figli. Me lo hanno concesso e li ringrazio, così ho potuto cominciare con il piede giusto il nuovo percorso”.

Cosa può dare, da dirigente, chi non ha mai studiato da dirigente?
«Sono stato calciatore e conosco tutte le dinamiche. So come trattare un giocatore. Dentro lo spogliatoio può starci davvero solo chi ne conosce le parole, gli sguardi, i momenti giusti. Ho questa fortuna rispetto ad altri dirigenti, ho vissuto le dinamiche dello spogliatoio. Ci vado ogni giorno, come prima. Solo che adesso non mi spoglio».

Passo indietro: 28 maggio, l’addio al calcio che ha commosso mezzo mondo…
«Così non me lo aspettavo nemmeno io. Qualcosa oltre il calcio. È stato emozionante per il mio sentimento verso di loro e il loro sentimento verso di me. Non ero Totti o il capitano della Roma, ero il fratello di tutti. Le facce della gente, piene d’amore, erano per me. Dirò una cosa che può sembrare brutta, perché la Roma conta più di tutto e l’ho sempre messa davanti a me: di quel risultato, ho capito, non importava tanto alla gente».

Roma, solo Roma, sempre Roma?
«La prima volta potevo andare al Real Madrid, perché non avrei vestito mai un’altra maglia italiana. Il cuore e la testa mi hanno fatto scegliere e non mi sono mai pentito».

C’è una seconda volta?
«Gli ultimi mesi con Spalletti sono stati complicati. Avevamo un bel rapporto, prima che se ne andasse nel 2009. Quando è tornato, mi sono messo a disposizione. Avrei preferito giocare di più, visto che era l’ultimo anno, però non ho nessun rimprovero da fargli. Ho accettato dignitosamente le sue decisioni. Mi è dispiaciuto, ma so che le scelte le fa l’allenatore e poi, semmai, ne paga le conseguenze. Ho ricevuto proposte per andare negli Emirati o negli Stati Uniti. Mi avrebbero ricoperto di soldi, ma avrei rovinato 25 anni d’amore. Poteva essere un’esperienza, non ero ben visto dall’allenatore in quel contesto. Però anche questa volta ho scelto la Roma».

I rapporti con Pallotta?
«All’inizio titubanti, ma ci siamo chiariti. Lui vedeva bianco e io rosso. Poi abbiamo trovato un colore in comune per il bene dalla Roma».

Italia-Svezia l’ha vista in tv?
«Non pensavo che succedesse questo dramma calcistico. A giugno accenderò la tv e non vedrò l’Italia, è surreale».

Con lei in panchina Insigne sarebbe entrato?
«Con me giocava dal primo minuto, è uno dei pochi che poteva risolvere la partita».

Federcalcio: da chi si dovrebbe ripartire?
«Da Damiano Tommasi. Primo perché è amico mio e secondo perché è competente. Una bella figura: giovane, trasparente, pulito. Se vai all’estero con lui fai bella figura».

Facciamo anche il c.t.?
«Montella. Rifaccio la Roma dello scudetto».

Il rimpianto calcistico?
«Non aver giocato con Ronaldo, quello dell’Inter. Il mio sogno, ma anche il suo. Ha segnato tanto, ma con me segnava ancora di più».

La Var le piace?
«Sì, ma bisogna vedere come si usa. Chi decide?».

A lei sarebbe stato fischiato qualche rigore in più?
«Sì, ma avrebbero visto anche qualche cazzata in più che ho fatto».

Lo sa che il suo video più cliccato è il calcio a Balotelli?
«Lì non c’era bisogno della Var. Era una cosa accumulata da anni, per quello che diceva sui romani. Dai e dai… Comunque è stato brutto quello che ho fatto».

Cosa è successo a De Rossi?
«Cose istintive, che purtroppo in campo succedono. Dopo dici: è impossibile che abbia fatto una cosa così. Lui è il più avvilito di tutti, adesso bisogna stargli vicino e basta».

Come va con Di Francesco?
«Con lui sono tutti contenti, c’è un gruppo solido. È aperto al dialogo, non ha peli sulla lingua. È tosto, è un abruzzese. Dice quello che pensa».

Farà mai l’allenatore?
«Diciamo che adesso non è una mia priorità».

Se lo scudetto non andasse alla Roma?
«Preferisco il Napoli, per cambiare. A Torino si saranno stancati di festeggiare. A Napoli ci camperanno per altri cent’anni pure loro. Mi piacerebbe uno scudetto al Sud».

E uno scudetto all’Inter?
«Eh, no, all’Inter no».

Spalletti, per i suoi 40 anni, le regalò il modellino della DeLorean di «Ritorno al futuro». Se potesse, preferirebbe andare avanti nel tempo o tornare indietro?
«Tornerei indietro. Dal 2000 al 2010 stavo al top, anni fantastici. Me ne basterebbe uno solo».