Gazzetta, Dante giudica la serie A: “Juve e Roma in paradiso, Milano in fiamme”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 gennaio 2014 8:42 | Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2014 8:43
Gazzetta, Dante giudica la serie A: "Juve e Roma in paradiso, Milano in fiamme"

La Juventus festeggia l’undicesima vittoria consecutiva (LaPresse)

ROMA – La Gazzetta dello Sport propone un simpatico “pagellino” della serie A, giunta al termine del girone di andata, con giudizio dantesco: paradiso, purgatorio, inferno.

Paradiso Nel cielo del campionato, oltre alle tre regine (Juve, Roma, Napoli) e al sorprendente Verona, abbiamo fatto volare Fiorentina, Torino e Parma, accomunate dalla stessa ricerca del risultato attraverso il gioco. A ogni beata abbiamo abbinato una virtù.

Purgatorio Tra le anime che son sospese, curioso è il destino che accomuna Genoa, Samp e Chievo. Un inizio sofferto, pericolosamente indirizzato verso le fiamme, poi la risalita grazie al ritorno in panchina di un vecchio amico che ha fatto da Virgilio e ha guidato la risalita: Gasperini, Mihajlovic, Corini. Merita un posto nella terra di mezzo, dove le speranze pareggiano le paure, il Sassuolo di Berardi, che pareva condannato fin dalla prima ora. La fede nel gioco mette le ali.

Inferno Tra le fiamme c’è tutta Milano. All’Inter fa compagnia il Milan. Osservate la classifica in pagina per media voto dei giocatori: Milan ultimo su 20. Non era solo colpa di Allegri. E’ precipitata nel fuoco anche la Lazio che pochi mesi fa, dopo un derby di Coppa Italia, si sentiva in paradiso. Ad ogni squadra dannata abbiamo attribuito girone e contrappasso dantesco. Ma, tranquilli, c’è ancora un intero girone per tornare a riveder le stelle.