Genoa: Preziosi punta a raddoppiare i ricavi entro il 2015

Pubblicato il 20 Ottobre 2010 14:01 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2010 14:10

Enrico Preziosi

Sabrina Cohen, giornalista del  “Wall Street Journal”, traccia un elogio sulle capacità imprenditoriali di Enrico Preziosi. Il presidente del Genoa è stato intervistato nella sua abitazione di Cogliate, in provincia di Milano.

Preziosi è considerato il “Re del giocattolo”. L’imprenditore ha fondato la “Giochi Preziosi”, uno dei più grandi toymakers del mondo, e ha costruito il suo business attraverso la produzione e progettazione di giocattoli che sono diventati icone in Italia e trend-setter in Europa e nel Mondo.

Negli ultimi tre decenni la domanda mondiale si è spostata dalle bambole e automobiline, cuore tradizionale dell’industria del giocattolo, ai giochi per computer, Play-Station e GameBoy.

L’industria del giocattolo sta mutando sulla base dei gusti dei consumatori. Preziosi spiega come i bambini degli anni 2000 sostituiscano il videogioco al trenino, il joystick alla macchinina e la tastiera del pc ai Lego.

Il suo obiettivo è ambizioso ma rientra pienamente nella programmazione della sua azienda: raggiungere ricavi di 2 miliardi di euro entro il 2015. Questo significherebbe raddoppiare il ricavato attuale che nel 2009 è stato di 940 milioni di euro.

La strategia è quella di mantenere la produzione dei “giochi storici” e affiancarla ad investimenti importanti nel settore dei giochi del pc e delle console multimediali.