Genoa-Sampdoria, formazioni Derby della Lanterna: Pinilla sfida Okaka

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 28 settembre 2014 10:06 | Ultimo aggiornamento: 28 settembre 2014 10:07
Genoa-Sampdoria, formazioni Derby della Lanterna: Pinilla sfida Okaka

Uno striscione esposto nel corso dell’ultimo derby tra Genoa e Sampdoria

GENOVA – Probabili formazioni di Genoa-Sampdoria.

Genoa (3-4-3): 1 Perin, 4 De Maio, 14 Roncaglia, 8 Burdisso, 21 Edenilson, 88 Rincon, 69 Sturaro, 13 Antonelli, 33 Kucka, 9 Pinilla, 10 Perotti (1 Lamanna, 39 Sommariva, 5 Izzo, 15 Marchese, 87 Rosi, 92 Mussis, 91 Bertolacci, 3 Antonini, 24 Iago Falque, 15 Marchese, 19 Greco, 32 Matri). All.: Gasperini. Squalificati: nessuno. Diffidati: nessuno. Indisponibili: Fetfatzidis.

Sampdoria (4-3-3): 2 Viviano, 29 De Silvestri, 28 Gastaldello, 26 Silvestre, 19 Regini, 21 Soriano, 17 Palombo, 14 Obiang, 11 Gabbiadini, 9 Okaka, 23 Eder (1 Da Costa, 33 Romero, 3 Mesbah, 5 Romagnoli, 22 Rizzo, 86 Cacciatore, 77 Wszolek, 32 Marchionni, 6 Duncan, 27 Djordjevic, 12 Sansone, 7 Fedato, 18 Bergessio). All.: Mihajlovic.

Squalificati: nessuno. Diffidati: nessuno. Indisponibili: De Vitis, Fornasier. Arbitro: Damato di Barletta Quote Snai: 2,70; 3,15; 2,65.

“Affronteremo una squadra forte, di valore, che rispettiamo, ma noi siamo ambiziosi e motivati. La Sampdoria è un’ottima squadra, ma sarebbe stato peggio affrontare Juve o Roma”. Così Gian Piero Gasperini alla vigilia del derby. “Loro favoriti? Non lo so”. Il Genoa arriva a questa sfida forte di alcune certezze, come quella di avere molte alternative per ogni ruolo, situazione che finisce per alimentare i dubbi. “Tranne Fetfatzidis stanno tutti bene – ha sottolineato Gasperini – e sono tutti in ballottaggio.

Sino a Stasera avrò tanti dubbi. Posso dire però di essere soddisfatto della squadra anche se non siamo ancora rodati, ma lo spirito è ottimo. Voglio riuscire a portare questa squadra ad avere più facce e più volti perché potrà essere utile”. Un Genoa camaleontico, in grado di cambiare più moduli durante la gara. Magari sorprendo tutti con la coppia offensiva Matri-Pinilla. “A Verona hanno giocato assieme per uno spezzone di gara ed è andata abbastanza bene. Ma è una soluzione che abbiamo provato poco anche perché per un periodo Matri. Comunque quando vedete qualcosa di diverso in campo lo abbiamo sempre provato in allenamento”.

Come dire, aspettatevi sorprese. Il ‘nuovo Gasperini’ non è più legato al 3-4-3: nelle ultime due gare con Lazio e Verona è passato dal 4-3-3 al 4-2-3-1 al 4-4-2. Le scelte non mancano: Gasperini, come in passato proverà a sorprendere ancora una volta gli avversari.