Genoa-Sampdoria 0-1, Maxi Lopez ha deciso il derby della Lanterna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 febbraio 2014 23:05 | Ultimo aggiornamento: 3 febbraio 2014 23:07
Maxi Lopez, gol che ha deciso il derby della Lanterna (foto Ansa)

Maxi Lopez, gol che ha deciso il derby della Lanterna (foto Ansa)

GENOVA, STADIO LUIGI FERRARIS – Maxi Lopez torna alla Samp e fa subito gioire i suoi nuovi tifosi.

Una rete dell’attaccante argentino decide infatti il derby di Genova, consentendo così ai blucerchiati di vendicare la sconfitta rimediata all’andata per 3-0.

In ottica salvezza sono tre punti importantissimi per la squadra di Mihajlovic, che in un colpo solo scavalca Udinese e Cagliari e si allontana dalla zona calda.

Il Genoa invece, può recriminare per un atteggiamento  troppo morbido in avvio di gara che ha consentito agli ‘ospiti’ di realizzare la rete che poi ha deciso l’incontro.

GLI STRISCIONI DEL DERBY, CHE SPETTACOLO! GUARDA LE FOTO (CLICCA QUI)

La prima opportunità è per la Sampdoria: Palombo all’8′ sfiora il vantaggio con una punizione a giro che termina di poco a lato a portiere battuto.

Entrambe le squadre non  vogliono scoprirsi, così è la giocata di un singolo a sbloccare l’equilibrio in campo. Maxi Lopex stoppa bene un pallone dalle retrovie di Mustafi, duetta con Eder che gli riconsegna la sfera in area: l’attaccante argentino brucia Burdisso e davanti a Perin non sbaglia.

L’ex giocatore del Catania, galvanizzato dalla rete, impensierisce la retroguardia rossoblù anche al 27′, ma il suo tiro dal limite è troppo strozzato e non preoccupa Perin. Il Genoa  non riesce a trovare la contromossa adeguata e al 37′ rischia di subire il raddoppio con Mustafi che manca di pochissimo la deviazione sottomisura sulla bella punizione calciata da Gabbiadini. La squadra di Gasperini ha un sussulto d’orgoglio in chiusura di frazione.

Gilardino stacca bene di testa al 39′, ma troppo debolmente, un minuto dopo è Bertolacci con una sventola da fuori a costringere Da Costa ad smanacciare in corner la palla. Il Genoa  troverebbe anche il gol del pari al 42′, ma sul servizio di Bertolacci dentro l’area Antonelli si trova in posizione di fuorigioco e la sua rete da due passi viene annullata.

I blucerchiati partono meglio anche nella ripresa: Soriano viene servito da Eder dentro l’area, e sulla sua conclusione da posizione defilata Perin si fa trovare pronto. Gasperini decide di stravolgere il suo Genoa inserendo Fetfatzidis e togliendo De Maio. La mossa sortisce gli effetti sperati perché i rossoblù costringono la squadra di Mihajlovic ad abbassarsi pericolosamente.

Matuzalem non spaventa Da Costa con un tiro da fuori al 16′, poi è Konate a far esultare i tifosi genoani al 20′, ma anche in questa occasione il guardalinee annulla giustamente per posizione di fuorigioco. La pressione dei rossoblù aumenta, e al 25′ non  riescono ad approfittare di una mischia nata nell’area della Sampdoria. I blucerchiati provano a pungere in contropiede: al 30′ un lampo di Maxi Lopex costringe Perin all’intervento di pugno. Più semplice la parata dell’estremo difensore rossoblù un minuto dopo sull’ennesima combinazione tra Maxi Lopez e Gabbiadini, con quest’ultimo che calcia debolmente.

Il Genoa nel finale tenta il tutto per tutto, ma al 42′  Gilardino non trova la deviazione vincente sul cross dalla destra di Antonelli, mentre in pieno recupero Palombo con una palla svirgolata evita il possibile intervento del solito Gilardino consegnando la sfera a Da Costa. A festeggiare così è il popolo blucerchiato, che si coccola il nuovo arrivato e un tecnico, Mihajlovic, che da quando è arrivato sembra aver dato una nuova identità alla squadra.

Il tabellino di Genoa-Sampdoria 0-1, posticipo della 22/a giornata di Serie A.

GENOA-SAMPDORIA 0-1

Marcatore: pt 24′ Maxi Lopex (S).

Genoa: Perin; De Maio (3′ st Fetfatzidis), Burdisso, Marchese (38′ st Calaiò); Antonini, Matuzalem, Bertolacci, De Ceglie; Konate (21′ st Sculli), Gilardini, Antonelli. A disp. Bizzarri, Portanova, Vrsaljko, Motta, Cabral, Cofie, Centurion, Sturaro. All. Gasperini.

Sampdoria: Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Regini; Palombo, Krsticic (44′ st Renan); Eder (33′ st Sestu), Soriano (27′ st Obiang), Gabbiadini; Maxi Lopez. A disp. Fiorillo, Fornasier, Salamon, Berardi, Costa, Wszolek, Bjarnason, Sansone, Okaka. All. Mihajlovic.

Arbitro: Valeri.

Note. Ammoniti Matuzalem, Bertolacci, De Ceglie, Sculli (G), Mustafi (S).