Genoa, striscione volgare dei tifosi contro famiglia Preziosi: “Enrico il Genoa, Paola i pom***i. Famiglia Preziosi quanti quattrini”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 dicembre 2018 13:42 | Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2018 13:43
Genoa, striscione volgare dei tifosi contro famiglia Preziosi: "Enrico il Genoa, Paola i pom***i. Famiglia Preziosi quanti quattrini"

Genoa, striscione volgare dei tifosi contro famiglia Preziosi: “Enrico il Genoa, Paola i pom***i. Famiglia Preziosi quanti quattrini”

GENOVA – Ultrà del Genoa sul piede di guerra contro la famiglia Preziosi, accusata di badare più ai propri interessi personali che non a quelli della società. I tifosi rossoblù hanno esternato il loro malcontento attraverso uno striscione dal contenuto volgare esposto durante la partita di campionato contro la Spal: “Enrico il Genoa, Paola i pom***i. Famiglia Preziosi quanti quattrini“. La figlia di Enrico Preziosi è sposata con Miguel Veloso, uno dei calciatori del Genoa più fischiati dai tifosi. 

Tifosa del Genoa scrive alla figlia di Preziosi

Ci sono tifosi del Genoa che prendono le distanze dallo striscione offensivo verso il presidente Enrico Preziosi e in particolare verso sua figlia Paola esposto domenica sera allo stadio. Tra questi c’è una tifosa, Ilaria Capurro, da 33 anni sostenitrice del Genoa, che ha scritto una lettera a Paola Preziosi affidata ai media. “Mi sono sempre sentita orgogliosa di fare parte di questa famiglia genoana, sempre, anche nei momenti più brutti, tristi, tesi o vergognosi – scrive – ma quando dalla sud ho visto quello striscione no, lì no. Non mi sono sentita orgogliosa. Da Donna, da Mamma, da Tifosa, da Genoana mi sono sentita uno schifo. Mi sono vergognata. la contestazione ci sta ma non certi striscioni. E io ci tenevo, da Donna e da Genoana, a dirtelo pubblicamente”. Il gesto dei tifosi è ora nel mirino della questura che sta visionando i filmati delle telecamere dello stadio.

Ghirelli duro: “Sono delinquenti, no tifosi”

Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, esprime ”solidarietà” ad Enrico Preziosi contro i volgari striscioni esposti in curva domenica pomeriggio a Genova, con bersaglio il presidente del Genoa e la figlia Paola. ”Siamo schierati nettamente – spiega Ghirelli, durante un evento congiunto con la Fip sullo sport femminile – contro quella cosa lì. Recentemente abbiamo incontrato il capo della Polizia, Franco Gabrielli, per ribadire una scelta di campo. Serve una lotta implacabile contro questi delinquenti che offendono: vanno assicurati alle patrie galere. Vanno chiamati delinquenti, non sono certo tifosi. Lo stadio non è una zona franca, chi sbaglia va arrestato”.

Malagò: “Inammissibili le offese alla famiglia Preziosi” 

“Credo che gli attacchi personali siano in assoluto sempre sbagliati, ma quello che trovo inammissibile è il coinvolgimento della famiglia. Certi messaggi vanno condannati in modo inequivocabile, per questo esprimo la mia solidarietà al presidente Preziosi”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, condanna in una nota il contenuto della protesta di una parte della tifoseria del Genoa contro la famiglia Preziosi, in particolare la figlia del patron rossoblu, presa di mira in uno striscione nell’ultima giornata di campionato.

LEGGI ANCHE:
Classifica, calendario, risultati e marcatori del campionato di Serie A.
Come funziona l’abbonamento a Dazn per vedere le partite di Serie A.
I siti legali dove vedere in streaming le partite di calcio.