Genoa, come giocherà Thiago Motta? Spunta il folle 2-7-2 come modulo tattico…

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 22 Ottobre 2019 18:45 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2019 18:45
Genoa Thiago Motta giocherà con 2-7-2 modulo tattico

Genoa, Thiago Motta è il nuovo allenatore dei rossoblù (foto Ansa)

GENOVA – Aurelio Andreazzoli non è più l’allenatore del Genoa. L’ex tecnico della Roma è stato esonerato dopo la pesantissima sconfitta per cinque a uno sul campo del Parma. Il club ligure “informa di aver sollevato dall’incarico l’allenatore Aurelio Andreazzoli – ufficializza il club rossoblù in una nota -. Nelle prossime ore verranno ufficializzate novità relative alla composizione dello staff tecnico e convocata la conferenza di presentazione riservata agli organi di informazione”. Il posto di Andreazzoli verrà preso da Thiago Motta, arrivato a Genova ieri sera e che nel pomeriggio guiderà il primo allenamento.

Genoa, come giocherà Thiago Motta? Non è da escludere nemmeno il 2-7-2…

Thiago Motta non ha ancora esordito come allenatore di una squadra di adulti ma ha già fatto parlare di sé per le sue idee tattiche mentre era il tecnico delle giovanili del Paris Saint Germain. Durante l’esperienza con il Psg under 19, tentò di giocare con il 2-7-2. Avete letto bene, 2-7-2 perché nella sua idea di calcio anche il portiere deve avere un ruolo attivo e non deve limitarsi a parare.

Un po’ una estremizzazione di quanto predicano già alcuni allenatori come Guardiola, Luis Enrique o lo stesso Fonseca della Roma. Di recente, mentre si trovava ancora in Francia al timone delle giovanili del Paris Saint Germain, Thiago Motta ha spiegato così il suo 2-7-2:

“Nella mia idea di calcio, l’attaccante è il primo difensore ed il portiere è il primo attaccante. Dal portiere deve partire il gioco, deve saper giocare con i piedi, lo inserisco nei sette di centrocampo, il portiere deve avere la qualità e la personalità di far partire l’azione con i piedi, anche a costo di giocare alto. Tornando alla mia frase sugli attaccanti, dalle punte deve partire il pressing offensivo per recuperare la palla agli avversari” (fonte Ansa).