Ghana choc: “Pagammo prete per battere Germania. Ora il voodoo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 giugno 2015 20:19 | Ultimo aggiornamento: 19 giugno 2015 20:28
http://www.blitzquotidiano.it/sport/napoli-sport/calciomercato-napoli-mirko-valdifiori-ufficiale-2214731/

Foto LaPresse

ROMA – Nyantakyiha, n.1 della federcalcio ghanese, rivela: “Al Mondiale pagammo un prete per passare il turno. È andata male, la prossima volta proveremo con altro…“. Ne parla La Gazzetta dello Sport con Elmar Bergonzini.

Perfino nelle partite fra amici capita che qualcuno, particolarmente desideroso di vincere, metta in atto qualche scaramanzia. Più è importante la partita che si gioca più è facile che ci si lasci andare a gesti benauguranti o che, addirittura, si cerchi di lanciare una iattura agli avversari. Se a lanciarla è però un 79enne numero uno di una federazione calcistica, si resta sorpresi. Kwesi Nyantakyiha, presidente della Federcalcio ghanese, ha infatti ammesso di aver provato, in vista della partita dello scorso Mondiale fra la Germania e il Ghana, a vincere ricorrendo a strumenti non del tutto canonici.

Il Ghana, che aveva perso la partita d’esordio con gli Stati Uniti, aveva bisogno di vincere contro la Germania per sperare ancora di qualificarsi agli ottavi. Per questo, alla vigilia della sfida con i tedeschi, Nyantakyiha le ha provate proprio tutte, come da lui stesso raccontato alla Bild: “Pagai circa 2500 euro ad un sacerdote affinché la squadra avesse un supporto spirituale. Lo feci perché tutto accade sempre solo per volontà di Dio”. Dopo il gol di Götze la strategia di Nyantakyiha sembrò perfino funzionare: il Ghana riuscì a ribaltare il risultato portandosi sul 2-1 con le reti di Ayew e Gyan. Poi però entrò in campo Miro Klose che, al primo contatto col pallone, riuscì a segnare il 2-2 eguagliando il record (che poi avrebbe anche battuto) di 15 reti totali nelle fasi finali del campionato del mondo, detenuto da Ronaldo e mandando all’aria i piani di Nyantakyiha: il Ghana non raggiunse gli ottavi di finale.

Il numero uno della federcalcio ghanese però non si arrende, e tenta strumenti ancora più forti: “Devo dire che il sacerdote non è stato molto costoso, ma non ci ha aiutato affatto. La prossima volta – spiega – ci proveremo con il voodoo. Ci avrei dovuto pensare prima, questo ci avrebbe probabilmente aiutato maggiormente e così avremmo effettivamente potuto battere la Germania”. Ne avrebbe tratto giovamento, oltre al Ghana, anche il Brasile, che in semifinale tentò qualcosa di simile: lo stregone voodoo Helio Sillman aveva infatti minacciato la Germania affermando: “Prenderò i giocatori simbolo e legherò le loro gambe in modo che non riescano a correre”. Qualcosa andò storto: la Germania vinse 7-1 e Klose migliorò il record di Ronaldo prima di battere anche l’Argentina in finale. Alla faccia delle iettature.