Gialappa’s Band: “Ecco perché oggi sarebbe improponibile rifare ‘Mai Dire Gol'”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Maggio 2020 15:17 | Ultimo aggiornamento: 9 Maggio 2020 15:17
Gialappa’s Band: "Ecco perché oggi sarebbe improponibile rifare 'Mai Dire Gol'"

Gialappa’s Band: “Ecco perché oggi sarebbe improponibile rifare ‘Mai Dire Gol'”

MILANO – La Gialappa’s Band è scomparsa dai palinsesti televisivi dopo l’arrivo del coronavirus.

Così tvblog.it ha voluto intervistare Marco Santin, uno dei componenti della Gialappa’s Band, per fare il punto della situazione.

Le dichiarazioni rilasciate da Marco Santin, portavoce della Gialappa’s Band, a Massimo Falcioni per https://www.tvblog.it/ sono riportate da dagospia.com.

“Non so quando torneremo a Le Iene, non ne ho la più pallida idea”, confida a TvBlog Marco Santin.

“Abbiamo un contratto, in teoria scadrebbe a giugno, ma non avendo realizzato delle puntate potrebbe esserci una proroga. Non lo sappiamo davvero.

Ca**eggiare in questo periodo? Dipende da come lo fai – spiega Santin – provare a ridere di tutto è indispensabile per vivere, ma pure il cinismo divertente a volte è stridente.

Capisco che non sempre la missione riesca.

Se si oltrepassa il confine, una battuta può diventare fuori luogo.

E quel confine è molto sottile.

Ho vissuto momenti tosti, difficili.

Ebbi una leggera febbre, proprio agli inizi dell’emergenza.

Mi sono isolato da tutti per quindici giorni.

Poi la febbre è sparita, ma persone che conoscevo bene si sono ammalate e miei parenti del Veneto sono morti.

Non ho potuto né salutarli, né omaggiarli.

Non erano nemmeno anziani, volendo dirla tutta.

In quel frangente vedevo l’epilogo molto lontano.

Finiremo nei libri di storia, non credo ci fosse persona al mondo che potesse immaginare una situazione del genere.

Rifare Mai Dire Gol? Sarebbe improponibile. 

Ora come ora i calciatori e gli allenatori sono troppo permalosi, un tempo ridevano insieme a noi delle nostre battute”.