Gianmarco Tamberi, operazione al piede per il campione mondiale di salto in alto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Gennaio 2017 20:16 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2017 20:16
Gianmarco Tamberi, operazione al piede per il campione mondiale di salto in alto

Gianmarco Tamberi, operazione al piede per il campione mondiale di salto in alto

ROMA – Il campione mondiale di salto in alto Gianmarco Tamberi è stato operato il 26 gennaio a Cesena. L’intervento è stato eseguito in artroscopia e ha portato alla rimozione dell‘Os Trigonum presente nel retropiede del piede sinistro di Tamberi. Tutto è andato bene e ad annunciare la riuscita dell’operazione è stato lo stesso atleta azzurro, che già il 27 gennaio potrà tornare a casa ad Ancona. Proprio questa lesione gli è costata la partecipazione ai giochi olimpici di Rio 2016.

Tamberi, recordman italiano assoluto a quota 2,39, ha raccontato all’Ansa che tutto è andato bene e che l’operazione è riuscita:

“Tutto ok! L’operazione è iniziata intorno alle 8:45 di stamattina ed è stata una cosa molto più tranquilla rispetto a quella di luglio. Tutta un’altra storia a livello fisico e mentale. E’ durata sì e no tre quarti d’ora, ma non mi sono accorto di nulla anche perché stavolta abbiamo scelto l’anestesia totale. Diciamo che è stato un sonno tranquillo e penso che il prof. Lijoi abbia fatto un ottimo lavoro”.

L’atleta si è fatto male proprio poco prima di partire per le olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 e dopo aver segnato il suo record, ma ora dopo l’operazione potrà tornare ad allenarsi:

“Ora – aggiunge l’altista marchigiano delle Fiamme Gialle – ho soltanto una fasciatura al piede che copre i due piccoli fori che sono serviti per l’artroscopia. Domani un’altra medicazione e poi potrò tornare a casa ad Ancona. Mi attende una settimana con le stampelle dopodiché dovrei poter ricominciare progressivamente a camminare. Lunedì, intanto, visita di controllo a Forlì per iniziare a capire come affrontare la fase di recupero. Spero che quel dolore al piede che non mi permetteva più di allenarmi ora resti soltanto un brutto ricordo”.