Giappone, Nagatomo: “Mi spiace per l’Inter ma non potevo saltare la partita di beneficenza”

Pubblicato il 22 Marzo 2011 16:21 | Ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2011 16:21

Nagatomo mostra la bandiera giapponese dopo la vittoria di Monaco

HONG KONG – Il giocatore dell’Inter, Yuto Nagatomo, è dispiaciuto di aver lasciato la sua squadra, ma si dice ”pronto a qualsiasi sacrificio” pur di partecipare al match di beneficenza per le popolazioni colpite dal terremoto, al Nagai Stadium di Osaka martedi’ 29 marzo, tra la nazionale nipponica di Alberto Zaccheroni e la selezione di All Star della J-League, la Serie A giapponese.

”Sarei un bugiardo se dicessi che non ero preoccupato – ha detto  Nagatomo all’agenzia Kyodo, all’arrivo all’aeroporto internazionale del Kansai -, ma in questo momento, ho bisogno di giocare per qualcosa di più importante di me stesso”.

L’ex giocatore dell’Fc Tokyo, in forza all’Inter da gennaio dopo il prestito accordato dal Cesena, ha aggiunto di sentirsi in dovere di aiutare un intero popolo ferito dal sisma/tsunami dell’11 marzo che ha finora registrato un bilancio di oltre 22.000 tra morti e dispersi. ”Spero – ha concluso – di poter mostrare a tutti i fan l’importanza di non mollare”.