Giro d’ Italia: Quattordicesima tappa

Pubblicato il 21 maggio 2011 8:00 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2012 13:33

ROMA – La ”sicurezza sportiva” addotta per la decisione di eliminare dalla tappa la discesa del Monte Crostis si riferisce all’impossibilita’ per le ‘ammiraglie’ di seguire i corridori. ”Benché l’organizzatore abbia preso tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza dei corridori – afferma infatti la giuria del Giro in un comunicato – in seguito alle varie lamentele dei Direttori Sportivi conseguenti all’impossibilità di garantire una gestione sportiva ottimale nel finale della tappa (non avendo le ammiraglie la possibilità di circolare normalmente in corsa per 37,2 km) e dopo l’analisi della proposta fatta dall’Organizzatore per risolvere questo problema, il Collegio dei Commissari non reputa sufficiente tale proposta”. ”Di conseguenza – aggiunge il comunicato – il Collegio dei Commissari prende la decisione di non autorizzare lo svolgimento della tappa nella sua interezza così come definita nella Guida Tecnica del Giro. La salita di Monte Crostis e la conseguente discesa vengono eliminate dal percorso”. Nel nuovo percorso, che riduce la lunghezza della tappa da 210 a 190 chilometri, ”le ammiraglie saranno autorizzate a seguire la gara fino ai piedi della salita finale di Monte Zoncolan”, conclude la giuria.

C’e’ sempre piu’ il suo rosa in questo Giro d’Italia. Aveva dato spettacolo sull’Etna, campione di fair play sul Grossglockner. Alberto Contador e’ anche questo, ‘cannibale’ quando serve, ma anche fenomeno di altruismo. Sempre il piu’ forte e piu’ padrone di questa corsa ormai a senso unico. Contador non vince questa volta ma mette il suo sigillo anche nel primo dei tre tapponi di montagna di questo fine settimana. Piu’ i giorni passano e il nome del vincitore finale della corsa rosa assomiglia al segreto di Pulcinella. Come si dice in questi casi soltanto lui puo’ perderlo. Ma e’ difficile, lui non pare averne alcuna voglia. Gli avversari sperano in un suo cedimento, ma da parte sua finora nessun segnale, nemmeno uno finora. Anzi, a sprofondare sono gli altri, a cominciare da Nibali e Scarponi. E’ in forma strepitosa questo Contador. Appena la strada si impenna verso tornanti e pendenze mozzafiato nessuno sa stargli alla ruota. Finora ci sono stati tre arrivi in salita, ma l’Etna e il Grossglockner sono stati quelli piu’ difficili. E in entrambi il fenomeno spagnolo ha dimostrato di avere una marcia in piu’. Come nella tappa sul vulcano siciliano Contador a una ventina di chilometri dal traguardo ha cambiato la bici, prendendo quella per le salite. Domenica Contador aveva polverizzato tutti annientando anche il povero Francisco Rujano. Non gli aveva perdonato l’affronto di non avergli dato cambi. Oggi il venezuelano invece ha collaborato e alla fine il campione lo ha premiato lasciandolo vincere. A un centinaio di metri dal traguardo lo spagnolo era in testa, si e’ voltato quasi a chiamare il compagno di fuga. E sembrato quasi sussurrargli: ‘Vai vinci tu’. Rujano non se l’e’ fatto ripetere due volte e ha alzato le braccia mentre lo spagnolo dietro di lui ha smesso addirittura di pedalare. Per Nibali e Scaporni un’altra giornata amara. Hanno fatto entrambi quello che hanno potuto. Scarponi quando Contador ha attaccato ha provato a stargli alla ruota, ma avendo imparato la lezione dell’Etna ha mollato quasi subito e cosi’ ha evitato un’altra figuraccia. Nibali invece ha sofferto il freddo e una squadra piena di acciacchi (Szmyd non ha ancora smaltito la bronchite) e ha preferito salire con il suo paasso senza forzare. Assieme a Scarponi deve incassare un altro minuto e mezzo da Contador: in classifica adesso i due italiani sono secondo e terzo, ma ora hanno oltre tre minuti dallo spagnolo. Un abisso considerata la forza inarrestabile della maglia rosa. Lo spagnolo si e’ alzato sui pedali naturalmente nel tratto di salita piu’ duro, Scarponi ha abbozzato una reazione, ma l’unico a stargli dietro e’ stato il solito piccolo Rujano. I due battistrada hanno fatto in breve il vuoto. La corsa si e’ infiammata come prevedibile tutta nel finale. In precedenza ad animarla la fuga di sedici corridori dopo una quarantina di chilometri. Tra loro l’unico uomo di classifica era Lastras. Lo spagnolo ci ha provato in discesa a staccarsi, ma in salita e’ stato sempre ripreso. I fuggitivi hanno avuto di oltre cinque minuti. A 45 km dall’arrivo ci ha provato da solo prima il croato Kiserlovski, poi Sarmiento e Weening, ma inutilmente. Scarponi ha provato un allungo ma Contador l’ha subito chiuso. Il Giro e’ ancora pieno di trabocchetti. Domani c’e’ lo Zoncolan, ma e’ stata annullata la temuta discesa del Monte Crostis. La decisione e’ stata comunicata solo in tarda serata.