Giro d’Italia, Fabio Aru capolavoro, vince anche al Sestriere. Ma corsa è di Contador

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Maggio 2015 18:01 | Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2015 18:01

– SESTRIERE (TORINO), – Fabio Aru concede il bis e dopo il trionfo a Cervinia dimostra anche al Sestriere che sulle montagne il più forte è lui. Aru vince  la 20/a tappa del 98/o Giro d’Italia di ciclismo, da Saint-Vincent (Aosta) al Sestriere precedendo  sul traguardo il canadese Ryder Hesjedal (Garmin-Cannondale), secondo a 18″; il colombiano Rigoberto Uran Uran (Etixx-Quick step), terzo a 24″; lo spagnlo Mikel Landa (Astana), quarto con lo stesso tempo; l’olandese Steven Kruijswijk (Lotto-Jumbo), quinto a 34″. Lo spagnolo Alberto Contador (Tinkoff-Saxo) si è piazzato al sesto posto, con un ritardo di 2’25” dal vincitore di tappa. 

Aru, insomma, nelle ultime tappe è riuscito a mettere in crisi Contador. Oggi lo spagnolo ha accusato il colpo e ha perso la metà del suo vantaggio. Troppo tardi per vincere il Giro, visto che oramai manca solo la passerella finale. Contador ha potuto gestire e da fuoriclasse è riuscito a contenere il danno anche nel momento della difficoltà.

La nuova classifica. Alberto Contador ha conservato la maglia rosa. Nella nuova classifica generale, Aru si è portato a -2’02” da Contador, confermandosi sul secondo gradino del podio. Terzo è sempre lo spagnolo Mikel Landa, adesso staccato di 3’14”; quarto il costaricano Andrey Amador (Movistar), a 8’19”; al quinto posto è salito Ryder Hesjedal, vincitore del Giro d’Italia 2012, con un distacco di 9’52”.