Giro d’Italia, settima tappa a Bouwman. Lopez conserva la maglia rosa. Domani si torna a Napoli

L’olandese della Jumbo Visma, ha vinto in volata la settima tappa del Giro d’Italia battendo sul traguardo di Potenza i tre compagni di fuga. Lopez ancora maglia rosa.

di Enrico Pirondini
Pubblicato il 13 Maggio 2022 - 18:56
Giro d'Italia settima tappa

Giro d’Italia, settima tappa a Bouwman. Lopez conserva la maglia rosa. Domani si torna a Napoli (foto ANSA)

L’olandese Koen Bouwman, 28 anni, alfiere della Jumbo Visma, ha vinto in volata la settima tappa del Giro d’Italia battendo sul traguardo di Potenza i tre compagni di fuga. Nell’ordine Mollema, Formolo, Tom Dumoulin. Quinto lo sfortunato Vilella (a 2’21”), settimo Albanese, decimo Carapaz. Juan Pedro Lopez ha conservato la maglia rosa.

Giro d’Italia, la sesta la tappa più dura del Sud

Questa settima tappa del Giro d’Italia, la Diamante-Potenza di km 196, ha confermato le (facili) previsioni. Tappa dura, selettiva. Paragonabile a certe frazioni dolomitiche. Con i suoi 4 GPM lungo l’Appennino lucano, con un dislivello ragguardevole (4.510 metri), due traguardi volanti su asperità ( Viggiano a 949 metri, Potenza centro a 790). Partenza alle 11.55. Al via 172 corridori (4 si sono ritirati: M.A.Lopez, Mareczko, Tratnik, Fiorilli).

La pattuglia italiana ridotta a 43 unità. Quattro squadre si sono presentate con un uomo in meno. Nell’ordine: Astana, Alpecin, Bahrain, Bardiani. Primo GPM (passo Colla) dopo 45 km. Quindi il Monte Sirino (1.402 m.) dopo 90 km. Terzo gran premio posto a 1.405 m. (Montagna Grande di Viggiano). Infine La Stellata (1.225 m.) a 24 km dal traguardo, praticamente in discesa (raggiunte punte di 68 km/h.). Protagonisti di giornata 6 coraggiosi: due della Jumbo Visma (Tom Dumoulin,Bouwman), Formolo, Mollema e il colombiano Camargo. A 44 km dal traguardo i fuggitivi sono stati raggiunti da Vilella (foratura). Ai meno 30 si stacca Camargo e restano in cinque. Poi cede Vilella. Il gruppo, trascinato dalla Ineos, insegue  a 3’30”. Al traguardo tre olandesi e un italiano.

La favola Demare

Il velocista principe della Groupama, Arnaud Demare, con la volata selvaggia di Scalea vinta al fotofinish su Ewan per un centimetro) ha centrato un primato di cui è molto orgoglioso: è il miglior francese di sempre nella storia  della Corsa Rosa. La vittoria,  nella  splendida Riviera dei cedri (pilotato dal piacentino Jacopo Guarnieri, perfetto “pesce pilota“) gli ha permesso di superare due leggende francesi: Anquetil e Hinault. Ha sprintato in rimonta seguendo le ruote di Markov e Cavendish ai 500 metri. Poi ha aperto il gas centrando una vittoria a 75 km/h con un eccezionale colpo di reni.

Ottava tappa sabato 14 maggio

Dopo 9 anni il Giro d’Italia ritrova Napoli. Tappa breve (153 km) ma intensa. Con un circuito di 19 km da ripetere 5 volte tra Bacoli e monte di Procida. Previsto un arrivo in volata.