Graziano Rossi: “Spagnoli hanno lasciato fare a Marquez…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Ottobre 2015 10:08 | Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre 2015 10:08
Valentino Rossi (foto Ansa)

Valentino Rossi (foto Ansa)

ROMA – “Gli organizzatori del motomondiale sono spagnoli, e hanno lasciato che Marquez continuasse a ostacolare Valentino come aveva già fatto in Australia. Lo reputo un fatto gravissimo”: queste le parole, al veleno, del padre di Valentino, Graziano Rossi, dopo la gara di Sepang e l’incidente tra il dottore e Marc Marquez. “Sono molto, molto amareggiato – prosegue Graziano Rossi -, se fossi un pilota non mi sentirei protetto dopo un fatto simile. I padroni di questo sport sono gli spagnoli, loro hanno permesso che Marquez inseguisse il suo unico obiettivo, ovvero quello di non far vincere Valentino”.

Che nella ginocchiata di Rossi non ci fosse “alcun dolo – continua il padre – lo si capisce benissimo dalle immagini. E poi le assicuro, nessun pilota, mai, vuole far cadere un altro pilota: sono onesti, sanno quanto fa male, quanto si rischia”.

Il Dottore insomma “non ha perso le staffe, e – almeno così la vede Graziano – non è caduto nella trappola dell’avversario. Ai giudici di gara Valentino l’ha spiegato molto bene: il suo non era assolutamente un calcio, un tentativo di far cadere Marquez. Cercava di prendere tempo per andare da solo a raggiungere Jorge Lorenzo: con Marquez in mezzo non ci riusciva”. Per questo Rossi padre è rimasto sorpreso dalla penalizzazione “così pesante”.

Il mondiale è compromesso? “I conti li faremo dopo Valencia – conclude -, ma non le nascondo quanto sia quasi impossibile vincere… comunque vediamo. Di sicuro tutto quello che è successo lascia addosso una sensazione di tristezza assoluta”. Il babbo Valentino non lo ha ancora sentito, ma gli ha inviato un sms: “Intanto bravissimo…”.