Ibrahimovic-Napoli, De Laurentiis: “Volentieri ma dipende da lui…”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 23 Ottobre 2019 18:32 | Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2019 18:32
ibrahimovic Napoli De Laurentiis apre dipende da lui

Ibrahimovic nella foto Ansa

NAPOLI – Botta e risposta a distanza tra Zlatan Ibrahimovic e Aurelio De Laurentiis. Il bomber svedese, che gioca negli Stati Uniti con la maglia del Los Angeles Galaxy, si è offerto al Napoli nel corso di una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. Giuntoli, ma soprattutto De Laurentiis, hanno apprezzato le sue dichiarazioni ma il patron del Napoli ha chiarito: “Dipende solamente da lui…”. Facendo riferimento al fatto che Ibra dovrebbe ridursi lo stipendio per approdare in Campania perché il Napoli non può pagarlo come se fosse un club di Mls. 

Ecco cosa aveva detto Zlatan Ibrahimovic ai microfoni della Gazzetta dello Sport: “Mi piacerebbe giocare al Napoli. Ho apprezzato l’ultimo documentario dedicato a Maradona, nessuno è come lui. Ecco, vedendo l’amore di quella città mi verrebbe quasi la voglia di provare un’esperienza al Napoli: sarebbe fantastico.Non sto dicendo che andrò là, la decisione finale dipenderà da vari aspetti, ma quella è una piazza che crea entusiasmo: con me il San Paolo sarebbe pieno ogni domenica. E poi c’è Ancelotti”.

Pronta la risposta di Aurelio De Laurentiis, sempre sulle pagine della Gazzetta dello Sport: “Zlatan Ibrahimovic è  un amico, l’ho conosciuto a Los Angeles perché eravamo nello stesso albergo. L’ho invitato a cena con moglie e figli e abbiamo passato una serata strepitosa. Potrebbe essere un desiderio vederlo in azzurro più che una suggestione, dipende solo da lui intanto vi do una notizia sulla partita di Champions, Milik non sarà in panchina come avete scritto ma giocherà titolare”. 

Ibrahimovic piace a tutti, ecco cosa aveva detto Giuntoli ai microfoni di Sky Sport: “Le dichiarazioni di Ibrahimovic ci riempiono di orgoglio. Siamo onorati della stima di un fuoriclasse del genere. Diciamo anche che Ibrahimovic ha sempre stimato Ancelotti e ha sempre parlato di lui in maniera affettuosa.

Ma non è il momento di parlare di mercato. Io vi ho risposto perché me lo avete chiesto ma siamo solamente ad ottobre. Dobbiamo pensare alle partite ed ai calciatori di cui disponiamo che sono fortissimi. A Ibra dico grazie ma non è il momento di parlarne, abbiamo gare decisive in campionato ed in Champions League”.