Ilicic ancora non convocato, salta anche Atalanta-Parma. E quella frase di Gasperini…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Luglio 2020 14:29 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2020 14:29
Ilicic ancora non convocato

Ilicic ancora non convocato, salta anche Atalanta-Parma. E quella frase di Gasperini… (foto ANSA)

Per la quinta volta consecutiva, Gasperini non ha convocato Josip Ilicic a causa di una presunta condizione fisica non all’altezza.

Secondo alcuni, il problema di Ilicic non sarebbe però di natura fisica ma personale. Pochi giorni fa infatti lo stesso allenatore si era lasciato andare ad una frase (“Gli siamo tutti vicini”), che ha generato molti dubbi sull’assenza del giocatore.

Gasperini dovrà fare ancora a meno di Ilicic in occasione della sfida contro il Parma, con la speranza di poterlo recuperare per i quarti di finale di Champions League contro il Psg.

Un’assenza che però non è passata inosservata tra i sostenitori dell’Atalanta. Infatti in molti hanno deciso di incoraggiarlo cambiando la propria immagine di profilo o di copertina su Facebook pubblicandone una dello sloveno numero 72 per dimostrargli “sostegno, vicinanza e affetto in questo momento difficile”. 

Le parole di Gasperini

“Ci pensiamo eccome a quella sfida (al Psg, ndr) ma il modo migliore di arrivarci è giocare in modo attento e concentrato queste ultime due gare di campionato. Vincendo entrambe le gare rimaste potremo arrivare secondi, miglior risultato di sempre della storia dell’Atalanta. Il traguardo più importante era quello di qualificarci in Champions ma faremo di tutto per vincere queste ultime due partite” ha detto Gasperini durante l’ultima conferenza stampa.

“Questo periodo è stato difficile per tutte le squadre sotto tutti gli aspetti. Da parte nostra abbiamo sempre mostrato una buona condizione e tenuta. E anche la fortuna ci ha permesso di non perdere giocatori finora, tranne Ilicic. È stato un campionato strano. Senza pubblico non è stata la stessa cosa. Siamo riusciti ad adattarci e ora speriamo che la gente torni presto negli stadi. Speriamo che a settembre tornino ad esserci condizioni più normali, perché il calcio così perde troppo”. (fonte GIANLUCADIMARZIO.COM)