Inghilterra-Italia in diretta tv su Rai 1 in alta definizione: Balotelli dal 1′

Pubblicato il 24 Giugno 2012 10:10 | Ultimo aggiornamento: 24 Giugno 2012 10:10

KIEV, UCRAINA – Inghilterra – Italia verrà trasmessa in diretta tv esclusiva da Rai 1 in alta definizione sul canale 101 del digitale terrestre, le formazioni di Italia-Inghilterra, quarto di finale di Euro 2012 in programma  all’Olympiski Stadion di Kiev (ore 20.45).

ITALIA (4-3-1-2): 1 Buffon, 7 Abate, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 6 Balzaretti, 16 De Rossi, 21 Pirlo, 8 Marchisio, 5 Thiago Motta (o 18 Montolivo), 10 Cassano, 9 Balotelli (14 De Sanctis, 2 Maggio, 4 Ogbonna, 13 Giaccherini, 22 Diamanti, 18 Montolivo o 5 Thiago Motta, 23 Nocerino, 17 Borini, 11 Di Natale, 20 Giovinco, 12 Sirigu). All. Prandelli

INGHILTERRA (4-4-2): 1 Hart, 2 Johnson, 6 Terry, 15 Lescott, 3 A. Cole, 16 Milner, 4 Gerrard, 17 Parker, 11 Young, 10 Rooney, 22 Welbeck.

(13 Green, 23 Butland, 14 Jones, 12 Baines, 18 Jagielka, 5 Kelly, 19 Downing, 8 Henderson, 20 Oxlade Chamberlain, 7 Walcott, 9 Carroll, 21 Defoe). All.: Hodgson.    Arbitro: Proenca (Por)

Sono 22 i precedenti assoluti tra Italia e Inghilterra (1 nella fasi finali Europee, 1 alle fasi finali Mondiali, 4 nelle qualificazioni ai Mondiali, 3 in altri tornei ufficiali e 13 in amichevole) con bilancio di 7 successi dell’Inghilterra, 6 pareggi e 9 vittorie dell’Italia.

L’ultima sfida risale al 27 marzo 2002 quando, in amichevole, l’Italia si impose 2-1 a Leeds con doppietta di Vincenzo Montella, un gol dei quali segnato su rigore.

Esiste un solo precedente tra le due nazionali in fasi finali degli Europei: il 15 giugno 1980, nella seconda giornata della fase a gironi dell’edizione italiana, gli azzurri si imposero per 1-0 con gol decisivo di Tardelli al 78′.

L’Inghilterra non perde in fasi finali europee da 6 incontri, con bilancio di 4 vittorie (3-0 sulla Svizzera e 4-2 sulla Croazia nel 2004 e 3-2 sulla Svezia ed 1-0 contro l’Ucraina nel 2012) e 2 pareggi (2-2 dopo over-time con il Portogallo nel 2004, poi 6-5 lusitano ai rigori; 1-1 contro la Francia nel 2012).

L’ultimo ko inglese risale al 13 giugno 2004: 1-2 contro la Francia. Si tratta della nuova serie positiva record in corso per l’Inghilterra nella manifestazione, che ha migliorato i 5 risultati utili messi insieme in precedenza tra l’8 giugno ed il 26 giugno 1996, dove lo score fu di 2 vittorie e 3 pareggi.

L’Inghilterra ha sempre segnato almeno un gol in ciascuna delle ultime 11 gare disputate nelle fasi finali degli Europei, per un totale di 21 reti all’attivo.

L’ultimo digiuno inglese risale al 22 giugno 1996 quando, nei quarti di finale, la nazionale britannica impattò a Londra contro la Spagna per 0-0 dopo tempi supplementari, con qualificazione inglese per 4-2 dopo la serie dei rigori.

Con la rete firmata lo scorso 18 giugno nel successo per 2-0 contro l’Irlanda, Antonio Cassano è diventato il miglior realizzatore di tutti i tempi della nazionale italiana in fasi finali degli Europei: sono adesso 3 i centri dell’attaccante barese.

Tutti e tre questi gol sono stati decisivi ed hanno portato alla causa azzurra 7 punti: l’1-1 contro la Svezia e il 2-1 sulla Bulgaria nella fase a gironi 2004 e il 2-0 sull’Irlanda di lunedì scorso.

Antonio Cassano ed Andrea Pirlo sono i soli due giocatori che, nella storia azzurra in fasi finali Europee, sono stati capaci di segnare almeno un gol in due diverse edizioni: Cassano ha segnato 2 gol a Portogallo 2004 ed uno ad Euro 2012, Pirlo conta un centro per ciascuna edizione tra Austria/Svizzera 2008 e Polonia/Ucraina 2012.

L’ultima sconfitta subita dall’Italia in fasi finali degli Europei risale al 9 giugno 2008 quando, a Berna, fu superata per 0-3 dall’Olanda, in quella che ancora oggi è la massima battuta d’arresto azzurra nella competizione: nelle successive 6 partite lo score italiano è di 2 successi e 4 pareggi.

L’arbitro: Pedro Proenca è nato il 3 novembre 1970 a Lisbona, ed è internazionale dal 2003. Di professione direttore finanziario, nel tempo libero ama leggere e sciare.

Il fischietto lusitano, alla terza presenza nella kermesse dopo Spagna-Irlanda 4-0 e Svezia-Francia 2-0, eguaglia così il primato di Melo Pereira, finora unico arbitro portoghese ad aver diretto 3 incontri in fasi finali europee, tutti nel 2000.

Proenca, reduce anche dalla finalissima di Champions del 19 maggio scorso tra Bayern Monaco e Chelsea, vinta dai londinesi ai rigori, vanta 2 precedenti con la nazionale italiana maggiore: 2-1 sul Montenegro a Lecce il 15 novembre 2008 nelle qualificazioni ai Mondiali di Sudafrica 2010 e 1-1 in Serbia il 7 ottobre scorso, nelle qualificazioni ad Euro 2012.

Proenca sarà invece al debutto con la nazionale maggiore inglese.

Un’ultima curiosità: con arbitri portoghesi in precedenti fasi finali europee l’Italia è imbattuta in 3 precedenti, con bilancio di 2 successi (2-1 sulla Svezia e 2-0 sulla Romania ad Euro 2000, sempre con direttore di gara Melo Pereira) ed 1 pareggio (0-0 contro il Belgio nel 1980, arbitro Garrido), mentre l’Inghilterra ha sempre perso nei 2 incroci, sempre diretta da Rosa Dos Santos: 1-3 dall’Unione Sovietica nel 1988, 1-2 dalla Svezia nel 1992.