Salisburgo-Napoli, Insigne abbraccia Ancelotti dopo gol decisivo

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 23 Ottobre 2019 22:53 | Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2019 22:53
Insigne Ancelotti Salisburgo Napoli abbraccio dopo gol decisivo in Champions

Insigne ha deciso Salisburgo napoli, ecco il suo abbraccio con Ancelotti (fermo immagine tv)

SALISBURGO (AUSTRIA) – Pace fatta tra Lorenzo Insigne e Carlo Ancelotti eppure la serata non era iniziata in maniera promettente visto che l’attaccante campano era stato sbattuto per l’ennesima volta in panchina. Ma questa volta Insigne ha accettato la decisione del suo allenatore e ha saputo fare la differenza quando è entrato in campo al 65′ al posto di un deludente Lozano.

Dieci minuti dopo il suo ingresso in campo, Insigne ha segnato il gol vittoria con il destro, su assist di Mertens, poi è corso verso la panchina per abbracciare Carlo Ancelotti. Un gesto da vero capitano, un gesto da vero leader. E’ questo quello che vuole il Napoli da Insigne.  Poche parole e tanti fatti in campo. 

Insigne decisivo a Salisburgo, Napoli vola in Champions League. 

Il Napoli sfida gli austriaci con Meret; Malcuit, Koulibaly, Luperto, Di Lorenzo; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Lozano e Mertens. Il Salisburgo risponde con Stankovic; Kristensen, Ramalho, Wober, Ulmer; Daka, Mwepu, Junuzovic, Minamino; Hwang e Haaland.

Al 5′, Mertens è stato dimenticato dalla difesa austriaca ma ha calciato addosso al portiere sprecando una comoda occasione da gol. 

Salisburgo in vantaggio al 9′, al primo affondo, ma il var ha annullato la rete degli austriaci per fuorigioco di Haaland. Dopo una respinta della difesa del Napoli su una conclusione a rete di Mwepu, Haaland ha battuto Meret con una bella girata ma si trovava in una posizione irregolare. 

Mertens sbaglia una volta, la seconda no. Assist di testa di Callejon e conclusione potentissima di Mertens, al 16′, che non ha lasciato scampo a Stankovic.

Grazie a questa rete, l’attaccante belga del Napoli ha raggiunto Diego Armando Maradona al secondo posto della classifica marcatori di tutti i tempi della società campana. Dries Mertens e Diego Armando Maradona hanno segnato 115 gol con la maglia del Napoli. 

Questa speciale classifica è guidata da Marek Hamsik. L’ex centrocampista della società campana ha realizzato la bellezza di 121 gol con il club partenopeo. Al 39′, è stato assegnato un rigore al Salisburgo per un fallo di Malcuit su Hwang.

Malcuit è stato superato con un tunnel e non ha potuto fare altro che stendere Hwang. Dagli undici metri, non ha sbagliato Haaland. Per il bomber del Salisburgo si tratta del 19° centro in stagione. Il primo tempo è terminato sul risultato di uno a uno. 

Al 53′, il colpo di testa di Daka, in anticipo su Di Lorenzo, è uscito di un soffio a Meret battuto. Il Napoli è tornato in vantaggio al 65′. Dries Mertens ha segnato da due passi su cross dalla destra di Malcuit. Per Mertens si tratta del 116° gol con la maglia del Napoli, ha staccato Maradona e ora è secondo da solo nella classifica marcatori di tutti i tempi della società campana. 

Al 75′, Haaland ha sfruttato una disattenzione di Kalidou Koulibaly per segnare di testa da due passi. Nemmeno il tempo di centrare il pallone che Lorenzo Insigne ha segnato con il destro su assist di uno scatenato Dries Mertens. Poi Insigne ha esultato andando ad abbracciare Carlo Ancelotti in panchina, pace fatta tra i due.