Inter-Juventus, Conte e Sarri se la giocano così…

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 5 Ottobre 2019 18:46 | Ultimo aggiornamento: 5 Ottobre 2019 18:46
Inter Juventus formazioni Lukaku Higuain altri ballottaggi

Inter, Conte nella foto Ansa

MILANO – Sale l’attesa per Inter-Juventus, scontro al vertice che ci darà di più sulle ambizioni scudetto di Antonio Conte e Maurizio Sarri. Il neo allenatore dei bianconeri punta sia sull’usato sicuro, che sui colpi di mercato che sono arrivati in estate. Conte affronta il suo passato con tutte le sue stelle in campo (Godin, Sensi e Lukaku). Di seguito, le probabili formazioni di Inter-Juventus. 

Inter (3-5-2) probabile formazione: Handanovic; Godin, de Vrij, Skriniar; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro Martinez, Lukaku.
Juventus (4-3-1-2) probabile formazione: Szczseny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Ramsey; Higuain, Cristiano Ronaldo.

Antonio Conte è un integralista sul modulo tattico. Il suo 3-5-2 non si tocca nemmeno in una super sfida come quella alla Juventus. E’ un modulo molto duttile che può diventare un 5-3-2 in fase difensiva, come un 3-4-3 in fase offensiva. Conte lo reputa il modo migliore per far tornare l’Inter al successo e non ha tutti i torti visto che ha vinto tutte le partite di campionato fino a questo momento. 

Tra i pali non ci sono dubbi, giocherà Handanovic. Anche in difesa, nessun ballottaggio. Largo ai tre “tenori” Skriniar, De Vrij e Godin. L’ex centrale dell’Atletico Madrid è stato confermato nonostante il grave errore difensivo contro il Barcellona, quando si è fatto saltare come un birillo dal compagno di Nazionale Luis Suarez. In Italia, Godin è un lusso che hanno poche squadre. 

Anche a centrocampo, ci sono pochissimi dubbi. Sensi, Barella e Brozovic non si toccano. Ai loro lati, dovrebbero giocare D’Ambrosio e Asamoah. In attacco, ci sono tre calciatori per due maglie. Alla fine dovrebbero giocare Romelu Lukaku (visto che ha recuperato dall’infortunio) e Lautaro Martinez mentre Alexis Sanchez dovrebbe partire dalla panchina. 

Se Conte è sicuro delle sue scelte, qualche dubbio in più lo ha Sarri. L’ex tecnico del Chelsea è consapevole del fatto che  non può permettersi di perdere contro Conte. Una sconfitta contro il vecchio condottiero della Juventus sarebbe pesantissima sia in chiave scudetto che dal punto di vista psicologico. 

Così, l’ex tecnico del Napoli dovrebbe puntare su un 4-3-1-2 con ben tre centrocampisti a protezione di una già copiosa difesa a quattro. Tra i pali c’è il ballottaggio tra Szczesny e Buffon ma alla fine dovrebbe toccare al polacco. In difesa, dovrebbero giocare Bonucci e De Ligt al centro, Cuadrado a destra e Alex Sandro a sinistra. 

A centrocampo, e quindi a protezione della difesa, dovrebbero giocare Matuidi, Khedira e Pjanic. Dietro alle punte dovrebbe giocare Ramsey ma non è da escludere un suo arretramento per lasciare spazio a Pjanic in questa posizione del campo. In attacco, il ballottaggio tra Higuain e Dybala dovrebbe essere vinto dall’ex centravanti del Napoli mentre per l’altro posto non ci sono dubbi, giocherà Cristiano Ronaldo.