Inter, chi è Sebastiano Esposito: esordio in Champions League a 17 anni

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 23 Ottobre 2019 22:32 | Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2019 22:41
Inter Sebastiano Esposito esordio Champions Borussia Dortmund

Inter, Sebastiano Esposito ha esordito in Champions League a 17 anni

MILANO – Sebastiano Esposito ha stregato Antonio Conte. Il tecnico leccese lo ha definitivamente promosso in prima squadra nonostante abbia solamente 17 anni visto che è un classe 2002. La scelta è stata presa un po’ per convinzione, un po’ per necessità visto che Alexis Sanchez ha rimediato un brutto infortunio.

Le squadre tedesche sono nel destino di Sebastiano Esposito. Il baby bomber nerazzurro ha esordito in Europa League, lo scorso anno, ad appena 16 anni nel corso della sconfitta interna dell’Inter contro l’Eintracht Francoforte. Oggi ha esordito in Champions League a 17 anni, entrando in campo al 61′ di Inter-Borussia Dortmund al posto di un deludente Romelu Lukaku. Esposito ha giocato molto bene, è riuscito a guadagnarsi anche un calcio di rigore all’81’ quando ha superato in velocità Hummels ed è stato steso dal centrale tedesco ma Martinez ha sbagliato dagli undici metri. 

Esposito è la stella del settore giovanile dei nerazzurri ma anche delle Nazionali Giovanili Italiane visto che ha realizzato la bellezza di 23 gol in 33 partite.  E’ un attaccante completo perché è alto 186 cm ma è anche molto veloce e forte tecnicamente. 

Di seguito, le dichiarazioni rilasciate da Antonio Conte all’Ansa. “C’era molto dispiacere per l’infortunio di Sanchez da parte mia e dello staff medico – ha aggiunto durante la conferenza alla vigilia della gara con il Sassuolo -. Aveva anche cominciato a dare un grande apporto, ora deve essere bravo a rialzarsi più forte di prima. A volte alcune tegole possono dare opportunità e stimoli per fare ancora più quadrato ed essere più uniti. Noi dobbiamo uscire più forti dalla disavventura”.

“Tanti parlano senza sapere. È una polemica inesistente”. Lo ha detto il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, commentando la polemica sulla scelta di non concedere Sebastiano Esposito alla nazionale under 17 per i Mondiali di categoria.

“È venuto qui Viscidi, il coordinatore delle nazionali giovanili, tre settimane fa, gli ho detto che ero felicissimo di mandarlo ai Mondiali – ha aggiunto durante la conferenza alla vigilia della gara con il Sassuolo -. Gli ho detto ‘mi auguro solo non succeda niente’, lui ha capito.
    Esposito è un prospetto importante per il futuro ma anche per il presente, lo stavo per far giocare contro il Barcellona. È assolutamente pronto. Nelle disgrazie ci sono opportunità quindi vediamo il bicchiere mezzo pieno”.