Inter conferma Spalletti, Antonio Conte costa troppo: chiede 10 milioni a stagione

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 16 aprile 2019 17:23 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2019 17:24
Inter conferma Spalletti, Antonio Conte costa troppo: chiede 10 milioni a stagione

Inter conferma Spalletti, Antonio Conte costa troppo: chiede 10 milioni a stagione. Foto ANSA/PIERPAOLO FERRERI

MILANO – Beppe Marotta conferma Luciano Spalletti sulla panchina dell’Inter anche per la prossima stagione. L’amministratore delegato dell’Inter ha parlato ai microfoni di Radio anch’io lo sport (Radio 1 Rai). Marotta ha parlato sia di Spalletti che di Conte, stando a quanto dichiarato dall’ex dirigente della Juventus Spalletti sarà il tecnico dell’Inter anche per la prossima stagione, mentre quelle su Conte sarebbero solamente delle voci. In realtà l’Inter ha avviato una trattativa con Antonio Conte ma l’ex tecnico del Chelsea chiede uno stipendio da dieci milioni di euro a stagione che non è in linea con i progetti della proprietà cinese dell’Inter. Conte costa troppo, Spalletti sta facendo bene e sarà confermato sulla panchina dei nerazzurri anche per la prossima stagione. 

Marotta conferma Spalletti: “Ha fatto bene, resta. Su Conte solamente voci”.

“Luciano Spalletti? E’ un grande tecnico, è giusto dargli fiducia, ha dimostrato coi fatti di ottenere risultati importanti”. “L’Inter sta viaggiando con gli stessi punti dell’anno scorso -ha detto Marotta- siamo terzi, l’anno scorso eravamo quinti”. “Le voci su Antonio Conte all’Inter? Sono conseguenza del fatto che Conte è sul mercato e presenta un profilo vincente. Spalletti ha creato una struttura di squadra in crescita, è giusto dare fiducia”.

Marotta sul futuro di Icardi: “Resta all’Inter? E’ difficile dirlo ora…”.

“Icardi all’Inter anche la prossima stagione? E’ difficile dare una percentuale sulle possibilità”. “Icardi sta acquisendo grande esperienza professionale, giorno dopo giorno – ha aggiunto Marotta a Radio anch’io lo sport (Radio 1 Rai); è un valore importante patrimonialmente per la società, ha un contratto ancora di 2 anni, è uno dei migliori attaccanti in circolazione. Tutte le valutazioni su di lui saranno fatte al momento giusto. La volontà della società è importante, ma c’è anche quella del giocatore”.