Inter. Mauro Icardi non esulta: “L’ho deciso col mio procuratore”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2015 18:44 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 18:44
Inter. Mauro Icardi non esulta: "L'ho deciso col mio procuratore"

Inter. Mauro Icardi non esulta: “L’ho deciso col mio procuratore”

MILANO – Mauro Icardi fa quello che dice il suo procuratore. Così se il suo procuratore gli dice di non esultare dopo una doppietta, come accaduto domenica contro il Palermo, Icardi non esulta. E men che meno, se il procuratore non gli dice di rinnovare il contratto, Icardi firma. Il centravanti dell’Inter torna a parlare dopo le polemiche per la sua mancata esultanza contro il Palermo. Lo fa in una intervista a Sky Sport che difficilmente tranquillizzerà i tifosi dell’Inter. In tanti, infatti, pensavano che la mancata esultanza fosse legata alle liti con i tifosi.

Invece è frutto di una strategia concordata con il procuratore:

“Mancini dice che sbaglio a non esultare? Può essere, se poi lo dice lui che ha fatto tanti gol… Ma ne ho parlato col mio procuratore e abbiamo scelto di fare così, vediamo nelle prossime partite”

Idem per il contratto:

“Faccio quello che mi dice il mio procuratore. Se mi dice che c’è il rinnovo pronto, a posto, altrimenti continuo a fare quello che faccio, a giocare. Il mio agente mi ha comunque detto che la trattativa sta andando bene, che si sente spesso con Ausilio e che è tutto a buon punto. Se chiama il Barça? Non devono chiamare me, ma Piero (Ausilio, n.d.r.): sistema tutto lui”