Inter

Ivan Perisic rinnova fino al 2022: è il top player dell’ Inter

Ivan Perisic rinnova fino al 2022: è il top player dell' Inter

Ivan Perisic rinnova fino al 2022: è il top player dell’ Inter
ANSA

MILANO –  Ivan Perisic rinnova fino al 2022 ed è lui il top player del mercato dell’Inter. In un’estate in cui non sono arrivati i campioni annunciati, la rosa è stata solo ritoccata e non rivoluzionata, il prolungamento di contratto dell’attaccante croato diventa l’operazione più importante del club nerazzurro.

Una vittoria per l’Inter che ha resistito all’offerta da 50 milioni di euro del Manchester United e un successo per Luciano Spalletti che è riuscito a convincere il giocatore a sposare la causa nerazzurra. L’arrivo del tecnico toscano è stato determinante per la decisione del croato.

“Per tanto tempo non ho rilasciato dichiarazioni, ora posso dire che con Spalletti ho parlato già dalla preparazione e mi ha convinto che con lui potrò essere un Ivan ancora migliore. È una giornata speciale – spiega l’attaccante – c’è un po’ di emozione e sono anche contento dopo lo stress di questa estate che è stata molto dura. Ora guardiamo avanti, penso solo all’Inter. Dopo la firma, solo il campo”.

Perisic sorride, finalmente rilassato. Le tensioni di questa estate sono ormai superate. E pensare che durante il ritiro di Riscone di Brunico l’addio dell’esterno sinistro sembrava davvero ad un passo. Distaccato, ombroso, durante la visita a Plan de Corones del 13 luglio scorso era rimasto in disparte rispetto ai compagni nella foto di gruppo, scocciato e a braccia conserte. Poco prima aveva avuto un diverbio con un giornalista che lo stava riprendendo durante una telefonata, arrivando anche a dare una manata alla telecamera. Il capitano Mauro Icardi, in un’intervista, lo aveva avvertito: “Se non è felice deve andare via”.

Poi, due giorni più tardi, l’assenza nell’amichevole contro il Norimberga per raggiungere il dentista di fiducia in Croazia. Un episodio che sembrava sancire la rottura con l’Inter, nonostante Spalletti si era affrettato a spiegare: “L’ascesso si vede a occhio nudo”.

Il Manchester United alzava le offerte ma l’Inter ha resistito e Perisic è partito per la tournée in Cina. E in Asia i colloqui con Spalletti diventano costanti, il rapporto tra i due si rafforza, la squadra gioca bene e nasce il feeling tra il croato e l’allenatore.

Nell’amichevole contro il Lione entra a partita in corso e sposta gli equilibri, contro il Bayern serve l’assist e gioca una gara di grande sacrificio, poi col Chelsea ecco il gol e il sorriso.

Perisic diventa una pedina inamovibile nell’Inter di Spalletti ed è decisivo anche nelle prime due sfide di campionato in cui firma un gol e tre assist. Contro la Spal a San Siro, sarà ancora titolare.

“Abbiamo fatto bene nelle prime due partite – dice – e ora dobbiamo continuare così. I tifosi sono sempre tantissimi e per noi è ancora meglio così, sarà più facile con in loro supporto”.

To Top