Irlanda del Nord furiosa dopo rigore inesistente alla Svizzera: “Peggio di Henry nel 2009”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 novembre 2017 13:44 | Ultimo aggiornamento: 10 novembre 2017 13:44
rigore-svizzera

Il rigore inesistente alla Svizzera

ROMA – L’Irlanda del Nord su tutte le furie dopo la gara d’andata degli spareggi per Russia 2018 giocata a Belfast e persa per 1-0 contro la Svizzera. La partita è stata decisa al 58′ da un contestatissimo calcio di rigore, realizzato dal milanista Ricardo Rodriguez.

A scatenare le proteste degli irlandesi è stata la decisione del direttore di gara: un fallo in area che anche le immagini televisive hanno evidenziato essere inesistente. Una conclusione a distanza ravvicinata di Shaqiri in area irlandese ha colpito Corry Evans sulla spalla, ma il direttore di gara ha invece visto la palla finire sul braccio del centrocampista irlandese, con conseguente rigore e ammonizione per il calciatore di casa.

“Questo rigore è peggio della mano di Henry contro la Francia nel 2009”, ha sentenziato Jonny Evans, difensore centrale dell’Irlanda del Nord e fratello di Corry. I titoli dei giornali irlandesi gli fanno eco, col Belfast Telegraph che definisce “sconcertante” il penalty assegnato alla Svizzera.

Un episodio che sicuramente poteva essere evitato con l’utilizzo del VAR. Già, perché la FIFA aveva invitato, inutilmente, l’UEFA a utilizzare in questi spareggi il VAR e la Goal Line Technology per aiutare i direttori di gara ed evitare clamorosi errori come quello del tocco di mano di Henry che, nel 2009, agevolò il goal della Francia ed escluse dai Mondiali l’Irlanda di Trapattoni.