Italia-Inghilterra, diretta tv – streaming: ecco dove vederla

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 31 Marzo 2015 18:13 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2015 18:14
conte

Antonio Conte nella foto LaPresse

ROMA – Italia-Inghilterra, amichevole internazionale di lusso, verrà trasmessa in diretta tv esclusiva da Rai 1 alle ore 20.45. La gara potrà essere seguita anche in streaming al seguente link. I riflettori non saranno puntati solamente sulla Nazionale Italiana ma anche su Antonio Conte, che torna sulla panchina dello Juventus Stadium dopo le polemiche legate al ‘caso Marchisio’.

Le probabili formazioni della partita. ITALIA (3-5-2): 1 Buffon, 13 Ranocchia, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 18 Florenzi , 8 Soriano, 14 Valdifiori, 16 Parolo, 4 Darmian, 20 Pellè, 17 Eder (12 Sirigu, 25 Marchetti, 15 Barzagli, 24 Moretti, 2 Abate, 5 Antonelli, 26 Santon, 10 Verratti, 6 Candreva, 11 Cerci, 22 Gabbiadini, 9 Immobile, 7 Zaza, 23 Vazquez). All. Conte.

Inghilterra (4-4-2): 1 Hart; 22 Walker, 5 Cahill, 12 Smalling, 21 Gibbs; 14 Walcott, 4 Henderson, 20 Barkley, 17 Townsend; 10 Rooney, 18 Kane. (13 Butland, 23 Green, 3 Baines, 2 Clyne, 15 Jagielka, 6 Jones, 24 Rose, 19 Mason, 8 Carrick, 25 Bertrand, 11 Delph). All. Hodgson. Arbitro: Brych (Ger) Quote Snai: 2,45; 3,15; 2,90.

I precedenti assoluti tra Italia e Inghilterra sono 25: in vantaggio gli azzurri per 10 vittorie a 8, con sette pareggi a completare il bilancio. Nei soli confronti disputati in Italia, che sono ad oggi 11, lo score vede cinque vittorie azzurre, quattro pareggi e due vittorie inglesi. L’Inghilterra non vince in Italia dal 24 maggio 1961: 3-2 a Roma, in amichevole; da allora si contano sei sfide in Italia, con un bilancio di cinque successi azzurri e un pareggio, con una sola rete inglese firmata il 7 luglio 1990 da Platt, all’81’, nella finale per il terzo posto ai Mondiali di Italia ’90.

Quattro degli 11 confronti in Italia tra le due Nazionali si sono disputati – come stasera – a Torino: nel maggio 1948 unica vittoria inglese (4-0 in amichevole, in quella che – ancora oggi – rappresenta una delle tre massime sconfitte interne della storia azzurra), poi tre successi azzurri: 2-0 nel giugno 1973 (amichevole), 1-0 nel giugno 1980 (fase finale degli Europei) e 1-0 nel novembre 2000 (amichevole, ultima sfida disputata in Italia tra le due rappresentative, prima di stasera). Data fortunata, il 31 marzo, nella storia del calcio azzurro: nei cinque precedenti giocati in questo giorno, Italia imbattuta, con uno score – a proprio favore – di tre successi e due pareggi. E’ un giorno di grandi esordi, peraltro, in Nazionale: nel 1988 fu la prima volta di Paolo Maldini (ancora oggi terzo pluripresente azzurro all-time, con 126 gettoni), nel 1990 toccò a Totò Schillaci (che pochi mesi dopo avrebbe vinto la classifica marcatori ai Mondiali italiani), con sei gol. Sono 34 i precedenti complessivi della Nazionale azzurra a Torino: score di 24 successi, cinque pareggi e cinque sconfitte.

Nel capoluogo piemontese azzurri imbattuti da 17 partite di fila (14 vinte, di cui quattro nelle ultime quattro disputate, e tre pareggiate), con l’ultima sconfitta datata 29 maggio 1955 (0-4 dalla Jugoslavia) e in gol da 13 sfide consecutive (27 marcature totali nel periodo) con l’ultimo digiuno risalente al 24 maggio 1969 (0-0 contro la Bulgaria).

La Nazionale di Conte è imbattuta: in sette partite, tra ufficiali e amichevoli, lo score è di cinque successi e due pareggi. In caso di ulteriore risultato positivo, per rivedere l’Italia imbattuta da otto partite di fila, si deve risalire al periodo febbraio-giugno 2013, con un bilancio di quattro successi e altrettanti pareggi. (Ha collaborato Football data).