Jonah Lomu era in bancarotta. Istituito fondo per i figli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Dicembre 2015 9:17 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2015 9:17
Jonah Lomu era in bancarotta. Istituito fondo per i figli

L’ultimo saluto a Jonah Lomu allo stadio Eden Park (LaPresse)

AUCKLAND – Jonah Lomu, morto il 18 novembre scorso, era vicino alla bancarotta. Lo hanno reso noto gli organizzatori di una fondazione, istituita da amici dell’ala neozelandese, per sostenere i suoi bambini, Oreille e Bradley, di 6 e 5 anni.

Il volto del rugby moderno, che aveva prestato il suo nome a tutto, aveva pochissime attività finanziarie, forse per questo costretto a fare il globe trotter, nonostante la grave patologia ai reni che l’ha portato ad una prematura morte.

Rob Nichol, l’a.d. dell’associazione dei giocatori neozelandesi, ha detto a Radio NewstalkZB, come riporta Gazzetta.it, che la ricchezza di Lomu non corrisponde a quanto la gente si aspetterebbe dopo una carriera come la sua. Forse Lomu è stato vittima della sua stessa generosità, ha spesso aiutato gli altri a scapito della sua stessa famiglia.

“L’inventario dei suoi beni non è ancora terminato, ma abbiamo già visto che la sua famiglia non potrà contare su una grande eredità. Ha chiaramente assunto obblighi, finanziari o di altro tipo, a favore di altri che sono sicuramente costate alla sua famiglia”.

Nichol ha poi spiegato che il fondo istituito sarà solo a favore dei figli e che Nadene, la terza moglie di Lomu, sarà esclusa dai beneficiari e non potrà avere alcun controllo dei fondi. “Riteniamo che questo sia un modo credibile e trasparente perché le persone si attivino per aiutare i suoi figli in futuro: è quello che contava per lui più”.