Juan Jesus denuncia insulto razzista via Instagram: “Roma intervieni”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 26 Settembre 2019 21:31 | Ultimo aggiornamento: 26 Settembre 2019 21:31
Juan Jesus insulto razzista Instagram Roma intervieni subito

Juan Jesus denuncia insulto razzista attraverso Instagram

ROMA – Il calciatore della Roma Juan Jesus è stato vittima di insulti razzisti su Instagram. Questo fatto è stato denunciato dallo stesso calciatore attraverso una storia Instagram. Juan Jesus ha pubblicato lo screenshot con gli insulti che ha ricevuto e ha taggato la Roma chiedendo provvedimenti immediati: “Con un tifoso così, sai cosa fare…”. 

Il tifoso aveva insultato Juan Jesus scrivendo: “Stai meglio al giardino zoologico, li mor… tua un’altra volta. Maledetto scimmione negro”. Il commento di questo tifoso è talmente squallido che il resto della tifoseria giallorossa si è dissociata immediatamente dal suo comportamento. I tifosi della Roma hanno tempestato di messaggi J.Jesus per dargli la loro solidarietà.

A dire il vero non si sono limitati a questo, dato che Jesus non aveva oscurato il nickname del razzista che lo insultava (a differenza nostra), i tifosi della Roma sono andati in massa sul suo profilo per insultarlo. Il profilo del razzista, nel giro di pochi minuti, è stato riempito di insulti da parte dei tifosi della Roma. 

L’insulto razzista a Jesus è arrivato dopo la sconfitta giallorossa contro l’Atalanta. Dopo la sconfitta interna contro l’Atalanta, Smalling, che è stato il migliore in campo, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al sito internet ufficiale dei giallorossi. 

“Sono felice di avere fatto il mio esordio ma deluso per non aver vinto. Siamo un gruppo molto ambizioso e per raggiungere i nostri obiettivi dobbiamo fare in modo di non perdere questi punti in casa. Sono felice di essere tornato a giocare e mi è piaciuta l’atmosfera dello stadio. Voglio aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi stagionali”.

“Nel secondo tempo si sono aperti più spazi. Il primo invece è stato molto più bloccato, con poche occasioni da gol. Avremmo dovuto controllare meglio la partita, soprattutto perché eravamo in casa. Lo abbiamo fatto di più nella ripresa sarebbe servita più velocità”.