Juve-Roma. Francesco Totti attacca arbitro Rocchi: “Vincono così da anni”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Ottobre 2014 21:23 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2014 12:09

ROMA – “Sono dispiaciuto, quello che è successo ha condizionato la partita, da anni si verificano certi episodi che condizionano le annate. Non so se stiamo stati battuti dall’arbitro, sicuramente non dalla Juve. Con le buone o con le cattive vincono sempre. Le immagini parlano chiaro. Tutta Italia dovrebbe dire questo”. Lo ha detto Francesco Totti a Sky.

Edmondo Pinna sul Corriere dello Sport ha ricostruito tutti gli episodi contestati all’arbitro in quella partita:

MARCHISIO-HOLEBAS – In area della Roma, c’è un contatto fra Holebas e Marchisio, che sta per battere a rete. In diretta, a tutti è sembrato rigore. Il replay, per una volta, ha dato ragione a Rocchi, è il bianconero che, calciando, finisce per toccare il tallone sinistro del difensore giallorosso, che ha il piede già a terra susseguente al passo compiuto. C’è anche una mano di Holebas sulla schiena di Marchisio, non sembrano esserci spinte, le immagini non aiutano a stabilire l’intensità. Resta comunque un episodio dubbio.

GOMITO DI MAICON – Arriviamo al primo rigore, dando subito la soluzione: non c’era. Intervento fuori tempo di Totti in scivolata su Pirlo, che genera la punizione. Rocchi sistema la barriera dentro l’area, striscia di schiuma e via con la battuta. Dalla linea si stacca Maicon che salta e colpisce con il braccio destro. Prima ancora di stabilire se fosse dentro o fuori area (era fuori), la certezza è che il brasiliano non allarga il gomito ma lo porta a protezione del volto. Mai rigore.

LICHTSTEINER-TOTTI – Arriviamo al rigore per la Roma, molti dubbi anche in questo caso. Prima che Pjanic batta la punizione, in area Totti e Lichtsteiner si trattengono (fermare tutto e parlarci su, no?), poi il capitano giallorosso (per liberarsi dalla morsa dello svizzero?) con il braccio sinistro gli “allaccia” la testa, il difensore lo cintura con entrambe le mani e lo trascina giù. C’è da dire, anche, che Lichtsteiner non guarda mai il pallone, ma si concentra solo sull’avversario, e questo è sempre un’aggravante nel momento di assegnare un penalty.

RECUPERO FUORI AREA – Arriviamo all’altro rigore che non c’è. Questione di centimetri, forse anche meno. Pjanic interviene su Pogba, c’è un contatto fra la punta del destro dell’uno sul destro dell’altro. Contatto leggerissimo, ma mettiamo pure sia falloso. L’impressione (e pure la ricostruzione fatta da Sky) è che questo contatto sia fuori area. Pogba infatti ha la punta del sinistro che schiaccia la linea dell’area, logico che l’altro piede, visto che siamo in corsa, sia dietro. Tutto questo arriva con il minuto di recupero finito da 25”. Perché l’extra? Forse per l’infortunio a Caceres, è l’unica spiegazione… Il recupero, da regolamento, è comunque a discrezione dell’arbitro.

GOL E VISIONE- Detto che la coppia Banti-Stefani non vede un pallone fuori di mezzo metro di Manolas, sul tiro di Bonucci che decide la partita c’è Vidal in posizione di fuorigioco. Attivo o no? La nuova interpretazione parla di linea di visione e non di cono visivo, al momento del tiro fra il pallone e Skorupski ci sia il cileno proprio davanti al portiere, ci sono grandi dubbi sulla bontà della rete decisiva. Arriva poi il doppio rosso Morata-Manolas (intervento a martello, reazione e contro-reazione). Siamo alla biblica pagliuzza…

Juve-Roma. Francesco Totti attacca arbitro Rocchi: "Vincono così da anni"

Juve-Roma. Francesco Totti attacca arbitro Rocchi: “Vincono così da anni” (LaPresse)