Juventus protesta con arbitro Guida per due rigori non assegnati contro Sampdoria

Pubblicato il 19 novembre 2017 18:32 | Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2017 18:33
mandzukic-ferrari

La spinta di Ferrari a Mandzukic

TORINO – La Juventus ha perso 3 a 2 contro la Sampdoria e ha protestato a lungo, durante l’arco dell’intera partita, contro l’arbitro Guida.
Stando alle proteste bianconere, mancherebbero due rigori: uno per una spinta di Ferrari a Mandzukic e l’altro per un tocco con la mano di Strinic su cross di Cuadrado.

L’arbitro ha giudicato questi due episodi non meritevoli di calcio di rigore. Stando al direttore di gara, la spinta di Ferrari su Mandzukic sarebbe leggera e Strinic, prima di toccare la palla con la mano, l’ha colpita con un’altra parte del corpo e per questo motivo il suo intervento sarebbe involontario.

Allegri a bocca aperta dopo il ko contro la Sampdoria

“Spiegare questa gara è difficile, è un partita che ti lascia a bocca aperta perché non abbiamo concesso quasi nulla”. Massimiliano Allegri è il primo a essere sorpreso per la sconfitta di Marassi.

“Abbiamo giocato molto bene il primo tempo ma se non abbiamo segnato vuol dire che non siamo stati bravi al momento di concludere – le sue parole a Premium – Poi abbiamo preso gol sul primo loro tiro, il calcio è anche questo. Dovevamo avere più pazienza e avere meno frenesia dopo il loro vantaggio”.

Secondo Allegri “dovevamo essere meno nervosi e frettolosi anche perché avevamo tutto il tempo per recuperare. Le partite sono lunghe, questa squadra ha qualità ma dobbiamo gestire meglio gli svantaggi. Non dobbiamo addormentarci ma neanche avere fretta di recuperare”, aggiunge il tecnico cella Juventus ricordando che “abbiamo preso tre gol su quattro tiri”.

“Dybala in panchina è stata una scelta ma quando è entrato ha avuto una bella reazione. Ci sono tante partite, lui ha giocato molto, ultimamente ha fatto prestazioni al di sotto delle sue qualità ma oggi quando è entrato ha dato una bella risposta”.

Mercoledì che Champions contro il Barcellona e, conclude Allegri, “bisognerà fare qualcosa di più ma non tanto sull’aspetto tecnico. Questa è stata la stessa partita che abbiamo fatto a Bergamo dove ci siamo fatti rimontare due gol”.