Altro no per la Juventus: dopo Guardiola, anche Deschamps si tira fuori

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 maggio 2019 18:08 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2019 18:09
Altro no per la Juventus: dopo Guardiola, anche Deschamps si tira fuori

Altro no per la Juventus: dopo Guardiola, anche Deschamps si tira fuori. Foto EPA/DUMITRU DORU

TORINO – Juve, no grazie. Dopo Guardiola, anche Deschamps si tira fuori. Didier Deschamps, ct della Francia campione del mondo, e’ lusingato dalle voci di un interessamento del suo ex club dopo il divorzio da Allegri, ma allontana qualsiasi ipotesi di sua separazione dalla nazionale.
    “La situazione e’ chiara – ha detto Deschamps, in conferenza stampa per spiegare le convocazioni della Francia per le prime partite di qualificazione a Euro 2020 – Il mio spirito e le mie energie sono focalizzate sulla qualificazione al prossimo Europeo, anche se mi fa piacere che si parli di me per grandi cluyb. Ma oggi come oggi il mio futuro e’ chiaro, netto e preciso: ed e’ legato alla nazionale francese”.

Juventus, Cabrini: “Sceglieranno un allenatore con una idea di calcio diversa da quella di Allegri”.

 Deve conoscere bene la Serie A e avere idee tattiche diverse da chi lo ha preceduto. Questo, secondo Antonio Cabrini, è l’identikit del futuro allenatore della Juventus. “Girano tanti nomi. Io penso che la scelta ricadrà su un allenatore che possa far giocare la squadra in maniera diversa da Allegri, senza nulla togliergli dopo cinque anni straordinari”, ha notato l’ex campione della Juventus e della Nazionale, sottolineando che “negli anni passati il club bianconero si è sempre appoggiato a tecnici che conoscono bene il campionato italiano. A me piace Gasperini, ma Inzaghi e Sarri sono ottimi”.

    Per Cabrini non sarebbe un problema presentarsi alla Juventus con un palmares senza titoli. “Là si impara subito la mentalità per cui devi vincere e se arrivi secondo è un fallimento”, ha notato alla presentazione del progetto di responsabilità sociale lanciato da Figc e Special Team Legends Onlus (fonte Ansa).
   

5 x 1000