Juventus-Lione con Depay, il calciatore è tornato ad allenarsi

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 16 Giugno 2020 17:45 | Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2020 17:02
Juventus-Lione con Depay, il calciatore è tornato ad allenarsi

Juventus-Lione con Depay, il calciatore è tornato ad allenarsi (foto Ansa)

LIONE (FRANCIA) – Brutte notizie per la Juventus, la stella del Lione Memphis Depay è tornato ad allenarsi.

Depay è un calciatore straordinario da 139 gol in carriera (110 con i club e 29 con la maglia della Nazionale Olandese).

Ma non ci sono solamente brutte notizie per i bianconeri… se Depay torna, Tousart lascia il Lione dopo il gol decisivo della gara di andata.

Infatti Tousart, il 27 gennaio 2020, è stato acquistato dai tedeschi dell‘Hertha Berlino per 25 milioni.

Poi è rimasto in prestito al Lione dove sarà fino al 30 giugno ma dal primo luglio si trasferirà definitivamente in Germania.

Di fatto la sua esperienza al Lione è già terminata perché il campionato francese di calcio è stato sospeso definitivamente.

Inoltre Tousart non potrà giocare la gara di ritorno di Champions League contro la Juventus perché quest’ultima verrà disputata ad agosto inoltrato.

Quando Lione ed Hertha Berlino hanno stipulato questo accordo nessuno si sarebbe immaginato una conclusione della stagione a fine agosto.

Quindi in una situazione normale, pre coronavirus, Tousart avrebbe disputato anche tutta la Champions League con il Lione.

Così non è andata e la Juventus può sorridere perché i francesi non avranno uno dei calciatori più forti della rosa.

Juventus-Lione, la furia di Aulas: “Siamo stati gli unici idioti a fermarsi”.

Il Lione, che all’andata ha vinto 1 a 0, andrà ad affrontare una Juventus che avrà quattordici partite in più nelle gambe.

Per questo motivo Aulas è stato protagonista di un duro sfogo durante una intervista all’Equipe.

Le dichiarazioni del numero uno del Lione sono riportate da corrieredellosport.it.

“Fermare la Ligue 1 è stata una scelta da veri idioti”, ha dichiarato a L’Equipe.

“È paradossale che un paese come la Spagna, che è stato più colpito della Francia dalla pandemia, abbia riflettuto e trovato risposte.

La UEFA aveva chiesto di avere pazienza.

Ci ha rilasciato un protocollo sanitario che noi non abbiamo nemmeno guardato.

Questo è uno scandalo assoluto! Quando vediamo che i nostri leader hanno partecipato all’assemblea delle Federazioni, tracciando conclusioni diverse, diciamo che siamo stati davvero idioti”.

“Ci presenteremo con entrambi i piedi legati e la testa mozzata per affrontare i bianconeri – ha sottolineato –

Noi senza fiato e loro con le gambe pronte visto che da fine giugno riprenderanno a giocare”.