Juventus-Milan, Ancelotti confessa: “Guarderò la finale di Coppa Italia con la maglia dei…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 maggio 2018 8:44 | Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2018 8:44
Juventus-Milan, Ancelotti confessa: "Guarderò la finale di Coppa Italia con la maglia dei..." (foto Ansa)

Juventus-Milan, Ancelotti confessa: “Guarderò la finale di Coppa Italia con la maglia dei…” (foto Ansa)

MILANO – Carlo Ancelotti, alla vigilia della finale di Coppa Italia [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play] tra Juventus e Milan, confessa a Milan Tv:

“La vedrò insieme a un mio amico, che fa lo chef qua in Canada. È molto milanista e ci metteremo la maglia del Milan, questo posso fare per supportare i rossoneri. Speriamo di poter festeggiare mercoledì. La squadra di Rino avrà molto coraggio. Ai tifosi dico di stare vicini alla squadra, seguendola con passione. Quello che i tifosi del Milan sanno fare benissimo. È chiaro che è un momento delicato, perchè la squadra è un po’ indietro, ma con i giusti investimenti e le qualità imprenditoriali che hanno i dirigenti penso si possa risalire”.

Gattuso ha cambiato la stagione: “Sta facendo molto molto bene – ha continuato l’ex allenatore del Bayern Monaco – La squadra ha trovato l’identità molto velocemente. Ha fatto un periodo molto buono, nell’ultimo periodo ha pagato un po’ soprattutto dal punto di vista mentale. Ora si sono ripresi e so perfettamente che Rino la preparerà molto bene, conosce molto bene la Juventus dal punto di vista tattico e saprà motivare i suoi ragazzi esattamente come si motivava lui quando giocava. Consigli? Credo si possa migliorare nel tempo a fare una pressione più alta. Con il 4-3-3 spesso è difficile pressare alto. In fase di possesso penso che l’idea del controllo del gioco c’è, si può migliorare mettendo più giocatori tra le linee e avendo più profondità davanti. La finalizzazione è un po’ mancata quest’anno”.

Ancelotti ha poi parlato anche di Juventus, avversaria dei rossoneri in Coppa e pronta a festeggiare per lo Scudetto: “La Juve è una squadra complicata, molto attenta in fase difensiva. Mi aspetto una partita equilibrata, non mi aspetto una Juve arrembante. Il Milan dovrà essere bravo a trovare spazi con una difesa che dal punto di vista collettivo lavora molto bene, ma dal punto di vista dei singoli qualche problema lo ha”. Facendo un salto nel passato, l’ex allenatore rossonero racconta di quando il suo Milan non si allenò tra la finale di Manchester e il ritorno della finale di Coppa Italia contro la Roma: “È vero, la chiave è stata la partita di andata, dove abbiamo vinto inaspettatamente e in modo abbastanza facile, anche perchè motivati dal giocare due finali ravvicinate. Di conseguenza abbiamo gestito bene il ritorno, nonostante non fossimo nelle migliori condizioni fisiche”. Una battuta anche su Fassone e Mirabelli: “Li ho incontrati entrambi l’estate scorsa, hanno preso in mano una situazione complicata e difficile. Occorre un po’ di pazienza, stanno riportando il Milan in alto, ma ci vorrà ancora tempo. Gli altri corrono, soprattutto in Europa. La base è stata ben fatta e mi auguro che il Milan possa tornare ancora in alto il prima possibile”.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other