Juventus-Lazio, Sarri furioso: “Tre minuti di recupero? Vergogna”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 22 Dicembre 2019 22:10 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2019 22:10
Juventus-Lazio, Sarri furioso: "Tre minuti di recupero? Vergogna"

Juventus, l’allenatore Maurizio Sarri nella foto Ansa

RIYAD (ARABIA SAUDITA) – Maurizio Sarri ha perso contro la Lazio mancando l’occasione di vincere il suo primo trofeo sulla panchina della Juventus. La Lazio è diventata la sua bestia nera da quando allena la Juve perché ai tempi del Napoli l’aveva sempre battuta, in casa o in trasferta. Quando c’è la Lazio di mezzo, i minuti di recupero sono destinati a far discutere.

Contro il Cagliari, nell’ultimo turno di campionato, la Lazio vinse la partita proprio nei minuti di recupero con le reti di Luis Alberto al 93′ e di Caicedo al 98′. Oggi, nonostante i cambi e le interruzioni del gioco, il recupero non è stato così generoso. L’arbitro Calvarese si è limitato a tre minuti di recupero. Dopo aver visto la segnalazione dei minuti di recupero, Sarri si è scagliato contro il quarto uomo gridando “Vergogna!”. 

Questi tre minuti non sono serviti alla Juventus per ribaltare il risultato, anzi hanno rimediato l’espulsione di Bentancur per doppia ammonizione e hanno subito il terzo gol della Lazio con Danilo Cataldi che ha segnato direttamente su calcio di punizione.

Una curiosità, Calvarese, che era l’arbitro della Supercoppa Italiana, faceva parte anche della squadra arbitrale di Cagliari-Lazio ma in quella circostanza non era il direttore di gara ma l’addetto al var. Una cosa è certa, nell’assegnare i minuti di recupero, sono stati utilizzati due metri di giudizio molto diversi. 

Sarri ha protestato contro il recupero esiguo ma non se l’è presa contro il calendario e contro il fatto che la Lazio ha goduto di un maggior numero di giorni di riposo.