Andrea Agnelli snobba la Roma: “E’ Juventus primo avversario”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 luglio 2015 20:09 | Ultimo aggiornamento: 28 luglio 2015 20:09
Andrea Agnelli nella foto LaPresse

Andrea Agnelli nella foto LaPresse

ROMA – Altro che Roma, il primo avversario della Juventus “è la Juventus stessa”. Parola di Andrea Agnelli. Che, allontanati i timori per l’avversario delle ultime stagioni, punta sull”usato sicuro’ per battere se stesso. E, ufficializzato l’addio a Vidal, rinnova per cinque anni il contratto di Leonardo Bonucci. Continuare a vincere, il compito affidato a lui come agli altri senatori, che nel progetto bianconero hanno anche il difficile compito di far crescere i campioni del futuro. “Da chi mi aspetto di più? Dai ‘vecchi’: sono loro che devono fare la differenza”, sottolinea il presidente Agnelli.

“Sono orgoglioso di Bonucci – osserva -: è stato il secondo acquisto di questa gestione, abbiamo vissuto insieme tutti e cinque gli anni della mia presidenza, dalle difficoltà del primo anno alle vittorie successive. Averlo visto crescere, sia come uomo che come calciatore, è stato un piacere. Ora iniziamo un nuovo quinquennio, in cui con gli altri ‘vecchi’, l’età è una cosa relativa – scherza -, dovrà prendere per mano la squadra e portarla ai risultati che tutti ci aspettiamo”. E mentre Vidal sogna di centrare con il Bayern la tripletta soltanto “sfiorata” con la Juventus, Bonucci parla di “nuovo ciclo” bianconero e si dice pronto a “mettere l’esperienza a disposizione dei giovani”. Tra questi c’è l”erede’ Rugani, che definisce “il futuro della Juventus e della Nazionale”.

A lui, e alle altre ‘new entry’ bianconere, è rivolto l’avviso del difensore: “Per onorare la maglia della Juve non basta sudare, ma bisogna vincere”. Poi una stoccata alla Roma, che proprio un suo gol affondò lo scorso campionato nel contestato 3-2 dell’andata. “Ho rispetto per Nainggolan e per le sue parole – noi siamo abituati a parlare sul campo e lo abbiamo fatto con quattro vittorie. E io in quei quattro festeggiamenti ho goduto tanto…”.

La prima occasione di tornare alla vittoria, anche se soltanto in una amichevole, in Polonia, dove i bianconeri affrontano il Lechia Danzica. Assenti Barzagli e Llorente per infortunio, mister Allegri dovrebbe puntare di nuovo sul 4-3-1-2 visto all’inizio della partita persa col Borussia Dortmund. In mezzo al campo probabile l’esordio per il tedesco Khedira, che ha smaltito il sovraccarico muscolare dei giorni scorsi, insieme a Marchisio e a Pogba.