Andrea Pirlo: “Sono andato via prima che la Juventus mi cacciasse”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 luglio 2015 10:17 | Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2015 10:18
Andrea Pirlo: "Sono andato via prima che la Juventus mi cacciasse"

Andrea Pirlo (LaPresse)

NEW YORK – La prima intervista di Andrea Pirlo dopo l’addio alla Juventus e al calcio italiano: “L’idea di non essere più protagonista in bianconero ha pesato, ma avrei lasciato Torino solo per New York”.

Ecco una parte dell’intervista di Andrea Pirlo alla Gazzetta dello Sport.

Avrebbe lasciato la Juve comunque? Anche in caso di vittoria in Champions? 

“Sì. Ci avevo pensato già da un po’ di mesi. Certo, perdere mi ha fatto riflettere di più. Certe partite così importanti difficilmente le avrei rigiocate e dopo aver vinto 4 campionati questo era il momento migliore per andarsene”.

Ha influito il fatto di dover accettare forse un ruolo minore?

“Le mie gare le avrei fatte comunque. Ma l’idea di non essere più con certezza un protagonista assoluto un po’ ha pesato. Perché magari non mi sarei sentito più bene con me stesso. Ho preferito decidere da solo prima che fossero altri a volermi mandare via”.

Con quali ambizioni arriva negli Usa?

“Con quelle di far parte di un progetto importante. È una grande sfida e a me le sfide piacciono. E poi qui si comincia da zero: questa squadra sei mesi fa non esisteva. Un po’ come quando sono arrivato alla Juve. In un certo senso eravamo partiti da zero anche lì. Ho fatto quattro stagioni fantastiche, trovato un gruppo vincente che ha portato risultati formidabili”.