Calcioscommesse. Conte in Figc, interrogato 220 minuti: “Sono contento”

Pubblicato il 13 luglio 2012 19:18 | Ultimo aggiornamento: 13 luglio 2012 19:49
Antonio Conte fuori dalla sede della Figc (LaPresse)

Antonio Conte fuori dalla sede della Figc (LaPresse)

ROMA – L’allenatore della Juventus Antonio Conte fa buon viso a cattivo gioco e dopo un “match” durato 3 ore e 40 minuti con gli inquirenti della Figc che lo hanno interrogato in merito alle accuse di combine nell’inchiesta calcioscommesse: ”Sono contento, ho chiarito tutto e sono totalmente soddisfatto. Finalmente ho potuto raccontare la verità. Ora torno in Valle d’Aosta a fare ciò che mi riesce meglio: vincere”.

L’ex allenatore del Siena, ed attuale tecnico della Juve, era chiamato a difendersi dalle accuse del pentito Filippo Carobbio, suo ex giocatore nella squadra della città del Palio, in merito alle presunte combine di Novara-Siena del 30 aprile 2011 e AlbinoLeffe-Siena del 29 maggio 2011.

Queste le parole di Carobbio, testimone che la procura di Cremona (che sta mandando avanti il filone penale del calcioscommesse) ha ritenuto affidabile:

“In Novara-Siena del 3/4/2011 ci fu un accordo per far finire la gara in parità, in effetti ne parlammo anche durante la riunione tecnica e quindi eravamo tutti consapevoli del risultato concordato, soprattutto al fine di comportarsi di conseguenza durante la gara; lo stesso allenatore, Antonio Conte, ci rappresentò che potevamo stare tranquilli in quanto avevamo raggiunto l’accordo con il Novara per il pareggio”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other