Derby Torino, bomba carta stadio: Coni sospende chiusura curva Juventus

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 agosto 2015 22:13 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2015 22:13
Derby Torino, bomba carta stadio: Coni sospende chiusura curva Juventus

Ansa

TORINO – La Juventus si aggiudica un altro round dell’infinita querelle sulla bomba carta che, in occasione dell’ultimo derby della Mole, ferì undici tifosi granata. Il Collegio di Garanzia dello Sport del Coni, presieduto dall’ex ministro Franco Frattini, ha infatti sospeso l’esecuzione della decisione della Corte Sportiva di Appello Figc.

Niente chiusura della curva Sud dello Juventus Stadium, dunque, in occasione del debutto della Juventus in campionato, il prossimo 23 agosto contro l’Udinese. A oltre tre mesi di distanza, e dopo che le indagini della Digos e della procura di Torino hanno portato all’arresto di un ultrà bianconero, la bomba carta resta impunita. Lo scorso 30 luglio – dopo la sospensione dell’8 maggio per consentire nuovi accertamenti e il rinvio del 22 maggio che salvò la festa scudetto – la Corte Sportiva d’Appello della Figc aveva ridotto da due a una giornata di gara la chiusura del ‘Settore Sud’ dello Stadium, accogliendo parzialmente il ricorso del club bianconero, che si era visto anche ridurre l’ammenda da 50 a 30mila euro. Ancora non abbastanza per la Juventus. “La Juventus e i suoi tifosi non devono pagare il prezzo di lacune ed inefficienze di altri”, era stata la dura presa di posizione della società, secondo cui ancora oggi “non è chiaro come possa essere ritenuta responsabile, ancorché oggettivamente”.

L’ultrà arrestato, era stato fatto notare, “si trovava all’interno dello Stadio Olimpico, in un evento organizzato da altra società, privo di biglietto”. Il suo nome, inoltre, non compariva sulla lista degli juventini presenti nel settore ospiti, e per di più “era già sottoposto a Daspo”. Questi i motivi dell’ennesimo ricorso che oggi hanno portato alla sospensione della chiusura della curva. Contro l’Udinese, dunque, i bianconeri rientrati da Shanghai dopo 12 ore di volo, potranno contare sul sostegno di tutto lo Stadium, che saluterà nel modo migliore la vittoria nella Supercoppa contro la Lazio. Un successo premiato da mister Allegri con tre giorni di vacanza.